Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Area Partner   VieNormali su Facebook   Google+ VieNormali   Canale You Tube VieNormali   RSS Feed VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 



Monte Boglia (o Colma Regia) - 1516 m


Relazione della salita - Cima n° 2353


Via Normale Monte Boglia (o Colma Regia)
Il paesino di Brè e gli itinerari per Monte Boglia e Sasso Rosso
Regione: Estero (EsteroSvizzere

Alpi e Gruppo: Prealpi - Prealpi Lombarde - Gruppo Camoghè

Provincia: Estero

Punto di partenza: Brè (q. 785 m)

Versante di salita: S-SW

Dislivello di salita: 731 m - Totale: 1462 m

Tempo di salita: 2,00 h - Totale: 3,30 h

Periodo consigliato: da aprile a novembre

Punti di appoggio: nessuno
Tipo di via: Via normale
Tipo di percorso: Sentiero segnato
Difficoltà:   EE (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: si
Cartografia: CARTA NAZIONALE DELLA SVIZZERA N. 1333 – Tesserete 1:25000 e N. 1353 – Lugano 1:25000
Autore: Piero Vardinelli Profilo di Piero Vardinelli - Altre salite dell'autore
Data della salita: 07/01/2013
Data pubblicazione: 09/01/2013
N° di visualizzazioni: 2550

Introduzione:

Il Monte Boglia (o Colma Régia) è l’ultima importante elevazione a meridione della lunga catena di confine che si stacca a S del Passo di San Lucio. Si presenta con una bella cupola prativa che emerge da fitti boschi ed è un belvedere rinomato e molto frequentato, grazie alla facilità di accesso e al breve dislivello di salita. Inoltre, la favorevole esposizione delle vie normali del versante S e la vicinanza del lago, che favoriscono lo scioglimento della neve, lo rendono accessibile in quasi tutto il periodo dell’anno. Panorama eccezionale sul Lago di Lugano e sulla Valsolda, ma anche sull’Arco alpino occidentale e sulle Prealpi ticinesi e lombarde.
Le vie normali della cresta S e della cresta SW, proposte qui di seguito, hanno in comune lo stesso punto di partenza, il paesino di Brè e si prestano quindi ad una stupenda traversata. L’itinerario della cresta S passa a pochi metri di distanza dalla cima del Sasso Rosso, si può quindi abbinare l’ascesa a questo balcone panoramico, posto a strapiombo sulla Valsolda, con una semplice deviazione di pochi minuti e senza difficoltà (vedi relazione e immagini di: Sasso Rosso).


Accesso:

A Lugano, località Ruvigliana, si prende la strada per Brè. All’entrata di questo piccolo paese c’è la chiesa e di fianco, un ampio parcheggio.


Descrizione della salita:

CRESTA S
Difficoltà: EE
Ore di salita: 2,00
Dal parcheggio di fianco alla chiesa si seguono le indicazioni di un cartello che riporta Monte Boglia 3 h, ma ci si impiega molto di meno. Il sentiero si snoda fra le viuzze lastricate del nucleo antico del paese, poi sale intersecando più volte la via asfaltata (vietata al transito dei veicoli non autorizzati) e conduce alla località Materone (q. 905 m). Si prosegue, ora nel bosco, fino a raggiungere un bivio a (q. 960 m), dove vi giunge anche la stradina asfaltata che qui termina. Tralasciando quest’ultima, si riprende a salire sul sentiero lastricato e poco oltre si arriva a Trevach (q. 1024 m), nel mezzo di una bella faggeta. Questa località non è difficile da individuare, in quanto il sentiero che in questo punto attraversa un piccolo avvallamento, è sostenuto a valle da un basso muretto in sassi (vedi prima immagine di dettaglio della relazione: Sasso Rosso). Una decina di metri oltre il muretto in sassi, c’è un cartello indicatore, qui si offrono 2 possibilità per proseguire:
1°) si abbandona il sentiero segnalato (che è anche una pista ciclabile) e si sale a destra. La traccia pur non essendo segnalata è ben marcata, dapprima traversa in direzione SE la località Sbrussighera (diversi ceppi di faggi sradicati), poi la bella radura pianeggiante di Lurenzin, fino a raggiungere un cartello indicatore. Venti metri più avanti, in mezzo al prato, c’è un bivio (prima della località Crus q. 1067 m). Si prende allora la deviazione che sale a sinistra, su un fianco boscoso molto ripido. Qui il sentiero in alcuni punti è esposto, poi diventa facile ma rimane ripido. Con belle vedute sulla parete rocciosa del Sasso Rosso e sulla Valsolda, si passa vicino ad una rovina e poco dopo si incrocia il sentiero/pista ciclabile del 2° itinerario (volendo, in pochi minuti si sale a destra il breve pendio boschivo, un poco franoso e si arriva in cima al Sasso Rosso, senza difficoltà). Si prosegue poi su questo largo sentiero che si mantiene poco a sinistra della cresta S, a destra ci sono talvolta delle protezioni sui dirupi del versante orientale. Con numerosi e comodi zigzag si arriva alla spalla SSE, a circa (q. 1460 m). Un comodo sentiero nell’erba permette infine di raggiungere la vetta, dove è posta una croce in legno, un cartello panoramico e due panche;
2°) da Trevach (q. 1024 m) si segue, verso W, il largo sentiero segnalato che in 10 minuti conduce al serbatoio di Carbonera (q. 1033 m), dove c’è un cartello. Seguendo le indicazioni si prende il sentiero/pista ciclabile che sale verso N, poi si compie un traverso in direzione E, sotto la località di Triscett e si arriva in prossimità del Sasso Rosso, incrociando in questo modo l’itinerario precedente. Come descritto al punto 1° si sale poi in vetta.
Il primo itinerario, sebbene sia un poco più impegnativo in particolare nel tratto fra Lurenzin e il pendio W del Sasso Rosso, è più piacevole e panoramico. Mentre il secondo itinerario è più semplice ma anche più monotono.

CRESTA SW
Difficoltà: EE
Ore di salita: 2,15
Si segue l’itinerario della cresta S fino al serbatoio di Carbonera (q. 1033 m), dove c’è un cartello. Qui si prende il sentiero che verso SW conduce alla (q. 1114 m), dove inizia la cresta SW (segnali sugli alberi). Il sentiero che prosegue poco a destra del filo di cresta, in alcuni tratti è poco visibile, ma ci sono i segnali sui faggi che aiutano. Al termine del bosco la cresta diventa più ripida, ma sempre facile e il sentiero ritorna ad essere ben evidente. Seguendolo e prestando un minimo di attenzione all’erba e alle foglie secche scivolose, si arriva in vetta, senza particolari difficoltà.


Discesa:

Da uno dei due itinerari proposti, è consigliabile la traversata.


© VieNormali.it

Via Normale Monte Boglia (o Colma Regia) - La vetta, dalla spalla SSE (cresta S) Via Normale Monte Boglia (o Colma Regia) - La vetta, dalla cresta SW Via Normale Monte Boglia (o Colma Regia) - Panorama di vetta sul Lago di Lugano, al centro il paesino di Brè
La vetta, dalla spalla SSE (cresta S) La vetta, dalla cresta SW Panorama di vetta sul Lago di Lugano, al centro il paesino di Brè

N° voti: 2 - Voto medio: Voto 4 stelle

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
3 scalatori sono stati su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...

Mappa su Google:




Libri suggeriti sulle Prealpi:


Prealpi Lombarde Centrali  Prealpi Lombarde Occidentali  Prealpi Bresciane  Ferrate in Lombardia e Svizzera   Nel giardino di pietra  Corni di Canzo e Moregallo  Scialpinismo tra Lombardia e Grigioni  Ghiaccio delle Orobie
Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...

Guide escursionistiche Guide escursionistiche consigliate:
           >> Ghiaccio Orobico - Michele Cisana
           >> Arrampicate sportive e moderne fra Lecco e Como - Eugenio Pesci
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 1 - Alessio Pezzotta
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 2
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 3
           >> Prealpi Lombarde Centrali

Revisione: relazione rivista e corretta il 29/01/2015 dalla redazione di VieNormali.it

  


Condividi su:  Share    




OFFERTE ATTREZZATURA E ACCESSORI OUTDOOR

Libri di montagna

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer