Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Area Partner   VieNormali su Facebook   Google+ VieNormali   Canale You Tube VieNormali   RSS Feed VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 



Cima di Fellaria - 3080 m


Relazione della salita - Cima n° 2310


Via Normale Cima di Fellaria
Immagine ripresa da SSW, dalla Cima di Caspoggio
Regione: Lombardia (SondrioItaliane

Alpi e Gruppo: Alpi Occidentali - Alpi Retiche - Gruppo Bernina

Provincia: Sondrio

Punto di partenza: Diga di Gera (q. 2070 m)

Versante di salita: NNW

Dislivello di salita: 1060 m - Totale: 2120 m

Tempo di salita: 4,00 h - Totale: 7,30 h

Periodo consigliato: estate

Valle: Val di Gera - Altre cime della Val di Gera
Punti di appoggio: Rifugio Bignami (q. 2401 m)
Tipo di via: Via normale
Tipo di percorso: Senza traccia
Difficoltà:   EE - A - I - F (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: no
Cartografia: CARTA NAZIONALE DELLA SVIZZERA N. 1277 – Piz Bernina 1:25000 e KOMPASS N. 93 - Bernina, Sondrio 1:50000
Autore: Piero Vardinelli Profilo di Piero Vardinelli - Altre salite dell'autore
Data della salita: 29/08/2012
Data pubblicazione: 24/10/2012
N° di visualizzazioni: 3012

Introduzione:

Punto nodale al vertice di tre creste che separano: il circo della Vedretta di Caspoggio ad W, il bacino della Vedretta di Fellarìa a N e l’ampio vallone che sovrasta l’Alpe Fellarìa a S. La scarsa notorietà di questa cima, trascurata a torto da tutte le guide alpinistiche, tranne quella del CAI/TCI, è dovuta al fatto che sulle carte viene quotata ma non nominata, nonostante l’importanza orografica. Gli itinerari riportati dalla Guida del CAI/TCI sono comunque datati e non corrispondono più alle attuali condizioni del versante settentrionale della montagna, modificato dal sensibile arretramento del ghiacciaio. Le due vie normali, quella della cresta NNW proposta qui di seguito e quella del versante NE (vedi relazione: Cima di Fellarìa – versante NE), rappresentano quindi delle vie normali inedite. Entrambi gli itinerari sono interessanti, molto vari e fattibili in giornata, ma per coloro che provengono da lontano il Rifugio Bignami è un ottimo punto d’appoggio.
L’itinerario più facile è rappresentato dalla Cresta NNW. La cresta, di per sé, è facile, basta appoggiare sulle rocce degradate del lato E, ma per raggiungerla bisogna attraversare il Ghiacciaio di Fellarìa, sotto la cresta E. Tuttavia anche il ghiacciaio non presenta particolari difficoltà se sufficientemente innevato, tranne qualche crepaccio facilmente aggirabile. In presenza di ghiaccio vivo bisogna però prestare attenzione allo scivolo, un po’ ripido, presente sul versante N della Bocchetta (q. 3000 m) e alla sottostante crepaccia terminale.
Notevole è il panorama glaciale offerto dalla vetta, sulle cime maggiori del Bernina, sul Gruppo del Pizzo Scalino, ma principalmente è unico sui versanti settentrionali delle Cime di Musella e della Cima di Caspoggio.
Le immagine della relazione: Cima di Fellaria – versante NE, possono fornire utili indicazioni.


Accesso:

Da Sondrio (parte occidentale della città) si prende la strada per la Valmalenco. Giunti a Chiesa in Valmalenco, si svolta a destra, verso Lanzada e la Val Lanterna. La strada passa dal villaggio di Campo Franscia e poi sale, con numerosi tornanti e sempre asfaltata, fino alla località di Campo Moro. Da qui la carrozzabile prosegue sterrata a destra del primo invaso e raggiunge l’ampio piazzale sotto il muraglione della diga di Gera, dove si parcheggia.


Descrizione della salita:

Dal parcheggio si segue la stradina in direzione della diga e la si abbandona dopo circa 100 m, per svoltare a destra, lungo un sentiero segnalato che in breve conduce alla casa dei guardiani. A destra di questa casa, una rampa trasversale appesa al muraglione della diga, permette di raggiungere la sommità dello sbarramento. Da qui il Rifugio Bignami è già ben visibile, a sinistra della seraccata del Ghiacciaio di Fellaria Est. Seguendo le indicazioni dei cartelli, si attraversa tutta la corona della diga e poi si segue il sentiero che taglia con una lunga diagonale il ripido fianco della montagna, a sinistra dell’invaso. All’inizio con un breve saliscendi, poi con ascesa regolare, si raggiunge in circa h 1,00 il rifugio citato (q. 2401 m).

Dal rifugio, seguendo il cartello indicatore per la Bocchetta di Caspoggio, si raggiunge in pochi minuti il vicino Alpe Fellarìa e poco sopra, si attraversa il torrente della valle sopra un ponticello. Il sentiero, sempre ben segnalato con bandierine di colore bianco-rosso e triangoli gialli, prosegue nella piana valliva in direzione WNW. Dopo aver guadato un secondo torrente, si risalgono pendii sempre più ripidi, all’inizio erbosi, poi ghiaiosi, fino a raggiungere il bordo orientale di una larga conca, 500 metri ad E della Bocchetta di Caspoggio (q. 2983 m). Questa conca in precedenza era occupata da un piccolo ghiacciaio, ma ora permangono solo alcune chiazze di neve. Dal bordo della conca, si tralasciano i segnali che conduco alla bocchetta sopra citata e si sale verso N, sul ripido pendio di detriti che adduce alla Bocchetta (q. 3000 m). Nella parte sinistra (W) di questo pendio, ci sono dei segnali, in quanto rappresenta la via più facile per chi intendesse raggiungere il Ghiacciaio di Fellarìa Occidentale partendo dal Rifugio Bignami e viceversa.

Raggiunto il valico, sormontato da un alto ometto di pietre, si scende sul versante opposto, su detriti, per una decina di metri, poi inizia il ghiacciaio. Adeguatamente equipaggiati e con prudenza si prosegue la discesa sulla sinistra, per 30/40 metri, passando fra i massi che ricoprono il pendio glaciale, aggirando in questo modo la crepaccia terminale. Non appena possibile si traversa, ora facilmente, tutto il ghiacciaio in direzione W, fino a raggiungere la cresta NNE, preceduta da una facile crepaccia terminale. La cresta emerge di poco dal ghiacciaio e viene raggiunta un poco più a monte (sinistra) della bocchetta che divide la Cima di Fellarìa dalla Punta Marinelli, il percorso è evidente (vedi immagine principale della relazione: Cima di Fellaria – Versante NE). Poi si segue la cresta, appoggiando sul lato E e per facili rocce, canaletti e detriti, si arriva sotto il risalto finale. Le rocce gradinate del lato W permettono di superarlo agevolmente e conducono sulla stretta vetta (circa h 2,30/3,00 dal rifugio).


Discesa:

Come per la salita.


© VieNormali.it

Via Normale Cima di Fellaria - Immagine ripresa poco sopra l’Alpe Fellarìa Via Normale Cima di Fellaria - La facile cresta NNW Via Normale Cima di Fellaria - Panorama dalla vetta
Immagine ripresa poco sopra l’Alpe Fellarìa La facile cresta NNW Panorama dalla vetta

N° voti: 0

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
2 scalatori sono stati su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...

Mappa su Google:




Libri suggeriti sulle Alpi Occidentali:


Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...

Guide escursionistiche Guide escursionistiche consigliate:
           >> Arrampicare sportive e moderne in Valtellina, Valchiavenna, Engadina - Guido Lisignoli, Eraldo Meraldi, Andrea Pavan
           >> Solo granito - Mario Sertori e Guido Lisignoli

Revisione: relazione rivista e corretta il 01/03/2015 dalla redazione di VieNormali.it

  


Condividi su:  Share    




OFFERTE ATTREZZATURA E ACCESSORI OUTDOOR

Libri di montagna

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Primo Piano

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Carta Valsesia

Carta Valsesia

Carta Val Formazza

Carta Val Formazza

Scialpinismo in Dolomiti

Scialpinismo in Dolomiti

Scialpinismo nelle Alpi Giulie Occidentali

Scialpinismo nelle Alpi Giulie

Appennino di neve e di ghiaccio

Appennino di neve e di ghiaccio

Scialpinismo a Cortina d'Ampezzo

Scialpinismo a Cortina d'Ampezzo

Ghiaccio Salato

Ghiaccio Salato


Giardini di Cristallo


Scialpinismo in Tirolo


Ciaspolate

Neve libera

Neve libera

Ghiaccio d'Appennino

Ghiaccio d'Appennino

Ghiaccio svizzero

Ghiaccio svizzero

Family Experience in Friuli Venezia Giulia

Alpe Adria Trail

Family Experience in Friuli Venezia Giulia

Family Experience in Friuli Venezia Giulia

Walking Experience in Friuli Venezia Giulia

Walking Experience in Friuli Venezia Giulia


VieNormali consiglia

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer