Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Area Partner   VieNormali su Facebook   Google+ VieNormali   Canale You Tube VieNormali   RSS Feed VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 



Jegihorn-Klettersteig (via ferrata) - 3206 m


Relazione della salita - Cima n° 2287


Via Normale Jegihorn-Klettersteig (via ferrata)
Lo Jegihorn in avvicinamento. A dx la cresta scendente dalla quota 3151. A sx la via di discesa.
Regione: Estero (EsteroSvizzere

Alpi e Gruppo: Alpi Occidentali - Alpi Estere Svizzere - Gruppo Non presente

Provincia: Estero

Punto di partenza: Stazione Arrivo Funivia Kreuzboden (q. 2397 m), Saas Grund, Vallese

Versante di salita: S

Dislivello di salita: 900 m - Totale: 1710 m

Tempo di salita: 4,30 h - Totale: 6,00 h

Periodo consigliato: estate

Punti di appoggio: Weissmieshutte (q. 2726 m)
Tipo di via: Via ferrata
Tipo di percorso: Via ferrata
Difficoltà:   EEA - A - IV+ - AD (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: si
Cartografia: Internet: Mappa la Svizzera a piedi
Autore: Oliviero Bellinzani Profilo di Oliviero Bellinzani - Altre salite dell'autore
Data della salita: 10/08/2012
Data pubblicazione: 30/08/2012
N° di visualizzazioni: 2739

Introduzione:

Spettacolare Ferrata in ambiente a dir poco grandioso, si sviluppa in due parti : la prima di cira 300 metri, sulle rosse placconate della quota 3151 da cui poi si discende lungo un´ affilata crestina al colle di q. 3096, e la seconda lungo la cresta che dall´ anzidetto colle sale sino alla vetta dello Jegihorn, ultima elevazione lungo la dorsale SW del Fletschhorn prima che questa precipiti su Saas Grund. Nell´ allestimento originale il tratto tra la quota 3151 e lo Jegihorn era costituito da un lunghissimo ponte tibetano, forse il più lungo dell´ intero arco alpino, che univa le due creste e attualmente crollato.


Accesso:

Dal Passo del Sempione si discende la Valle del Rodano sino a Visp, da dove a sinistra si segue per Zermatt/Saas Fee. Al successivo bivio di Stalden, si lascia a destra la deviazione per Zermatt, proseguendo a sinistra per Saas Fee sino a Saas Grund, da cui con impianti di risalita alla stazione Kreuzboden (2397 m).


Descrizione della salita:

Dalla stazione intermedia di Kreuzboden, si segue l´ampia e frequentata mulattiera che in ca un´ ora conduce alla Weissmieshutte (2726 m), da dove passando dietro la costruzione della dipendenza, si imbocca un sentiero che a mezzacosta in breve conduce ad un ponte. Superato il torrente, si lascia a destra la traccia che sale al Fletschhorn, proseguendo su per la morena in direzione dello Jegihorn, scritta ´KS´, Klettersteig, su un sasso, sino a raggiungere una zona pianeggiante. Guadato un secondo torrente, si prosegue in falsopiano sino all´ affilata morena che racchiudeva il Talli Gletscher ormai pressochè scomparso, per subito lasciarla prendendo una traccia sulla sinistra segnalata da un ometto, che a mezzacosta taglia tutta la morena stessa, portando alla base della quota 3151 sulle cui verticali pareti si svolge la prima e più impegnativa parte della ferrata. Un breve tratto su grossi blocchi seguito da un breve pendio di erba e terriccio conducono infine all´ attacco, posto sotto un costone roccioso (2900 m ca). Targa, 40´ dalla Weissmiesshutte. Seguendo il cavo, si traversa orizzontalmente sino ad aggirare il costone, quindi per facili placchette si raggiunge una zona abbattuta da cui una traccia con un diagonale a sinistra porta all´ imbocco di un ripido canale. Aiutati dal cavo e da occasionali pedane, lo si risale con attenzione, roccia non molto buona, quindi si supera un bel muro ed una prima scala che termina su un aereo spigoletto. Si prosegue quindi per paretine, canali e diedri con arrampicata talvolta molto aerea lungo lo spigolo, superando altre brevi scalette arrivando sotto la cuspide sommitale della quota 3151 che si raggiunge con un´ ultima scala. In piano si traversa a sinistra, dopodichè, con entusiasmante disarrampicata che lo sarebbe ancor più se non attrezzata con cavo e pioli, si inizia a scendere per l´ affilata crestina che conduce al sottostante colletto di quota 3098, che si raggiunge dopo aver superato gli ancoraggi del ponte tibetano ormai distrutto e del quale si vedono ancora i resti, che nell´ allestimento originario univa con un unico balzo la cresta W della quota 3151 alla N dello Jegihorn. Attraversato il colle su affilato spigoletto orizzontale, si risale per grossi blocchi fin sotto un bel muro che offre uno spettacolare passo molto esposto, seguito da un ancor più aereo spigolo attrezzato con numerosi pioli (IV in libera) dal quale si esce a sinistra, sempre sull´ esposto, per superare le ultime balze che adducono alla sommità, cui si giunge o tenendosi sul filo (cavo), oppure nel sottostante canale più riparato. Croce, grande ometto e libro di vetta. Vista mozzafiato.


Discesa:

Per la cresta opposta, seguendo ometti e bolli di vernice azzurra. Giunti ad un colle, si piega a sinistra, scendendo per un canalone ingombro di grandi massi, al termine dei quali la traccia su terricco ed erba diviene evidente conducendo nella sottostante valletta ai piedi della morena percorsa a salire. Tenendosi a destra si divalla sino ad un bivio : destra Kreuzboden, dritto Weissmieshutte seguendo una traccia più bassa di quella percorsa all´ andata che riporta al ponticello. Attenzione invece al guado del secondo torrente incontrato: nel caso il traballante ponte che lo attraversa fosse impraticabile per la troppa acqua, è bene risalirgli a lato sino al punto in cui lo si è attraversato all´ andata.


Note:

Bellissima ferrata, con tratti aerei molto esposti ma ottimamente attrezzata con cavo dall´ inizio alla fine, scalette e pioli che aiutano a superare le maggiori difficoltà, si svolge in ambiente superlativo, soprattutto nella seconda parte, quando fin troppo spesso gli occhi corrono a Dom, Lenzspitz, Nadelhorn e Weisshorn. Nel caso si intendesse effettuare la salita in giornata, dalla Stazione di Kreuzboden ci si tiene nel vallone sino ad incontrare il bivio di cui si fa cenno nella via di discesa, evitando così di allungare il percorso passando dalla Weissmieshutte..


© VieNormali.it

Via Normale Jegihorn-Klettersteig (via ferrata) - Tratto iniziale Via Normale Jegihorn-Klettersteig (via ferrata) - La prima scala. Via Normale Jegihorn-Klettersteig (via ferrata) - Anna su un muro nella seconda parte della Klettersteig.
Tratto iniziale La prima scala. Anna su un muro nella seconda parte della Klettersteig.

N° voti: 1 - Voto medio: Voto 5 stelle

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
1 scalatore è stato su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...

Libri suggeriti sulle Alpi Occidentali:


Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...

Revisione: relazione rivista e corretta il 11/09/2012 dalla redazione di VieNormali.it

  


Condividi su:  Share    




OFFERTE ATTREZZATURA E ACCESSORI OUTDOOR

Libri di montagna

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer