Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Area Partner   VieNormali su Facebook   Google+ VieNormali   Canale You Tube VieNormali   RSS Feed VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 



Corno di Cavento (trav.) - 3406 m


Relazione della salita - Cima n° 1834


Via Normale Corno di Cavento (trav.)
Il Corno di Cavento da NW
Regione: Trentino Alto Adige (TrentoItaliane

Alpi e Gruppo: Alpi Occidentali - Alpi Retiche - Gruppo Adamello

Provincia: Trento

Punto di partenza: Cascina Muta (q. 1397 m) Val Genova

Versante di salita: E

Dislivello di salita: 2190 m - Totale: 4380 m

Tempo di salita: 9,00 h - Totale: 14,00 h

Periodo consigliato: estate

Valle: Val Genova - Altre cime della Val Genova
Punti di appoggio: Rif. Ai Caduti dell’Adamello (q. 3040 m) alla Lobbia
Tipo di via: Via normale
Tipo di percorso: Sentiero segnato
Difficoltà:   EEA - A - II - PD (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: no
Cartografia: KOMPASS N. 638 – Adamello, Val di Fumo, Val Genova 1:25000
Autore: Piero Vardinelli Profilo di Piero Vardinelli - Altre salite dell'autore
Data della salita: 13/08/2003
Data pubblicazione: 26/02/2011
N° di visualizzazioni: 8572

Introduzione:

Maestosa vetta di roccia e ghiaccio, la seconda per altezza, dopo il Caré Alto, della lunga catena montuosa che dalla Val Genova giunge quasi rettilinea fino in Val Daone. Il versante occidentale è imponente, la parete è solcata da ripidi canali ghiacciati e divisa in due dal lungo crestone WSW. Il versante orientale, al contrario, emerge di poco dalla copertura nevosa del Ghiacciaio di Lares ed è la sede della via normale di salita. I percorsi di avvicinamento e di discesa proposti qui di seguito, sono inusuali, ma lontani dall’affollamento estivo dei normali itinerari e in sintesi sono i seguenti: partenza da Cascina Muta, Val Folgorida, Passo delle Topette, pernottamento al Rifugio Ai Caduti dell’Adamello, salita in vetta per la via normale dalla Lobbia, discesa dalla selvaggia e solitaria Val di Lares e arrivo nei pressi del parcheggio dove abbiamo lasciato l’automobile il giorno precedente.

L’importanza strategica durante la Grande Guerra rese il Corno di Cavento teatro di importanti ed ineguagliabili vicende belliche che lo assursero a simbolo della Guerra Bianca in Adamello. Parimenti al capitano Berni per il San Matteo, il tenente dei Kaiserjäger Felix Echt von Eleda è la figura leggendaria di questa montagna. Valoroso difensore fino all’estremo sacrificio, il suo corpo assieme a quello di molti altri non venne mai più ritrovato e giace quasi sicuramente dentro la crepaccia terminale della parete ovest.


Accesso:

Da Carisolo (TN) si segue la strada carrozzabile della Val Genova, d’estate dalle ore 9,45 alle 18,00 il tratto di strada: Ponte Maria - Malga Bedole è interdetto al traffico automobilistico ed è attivo il servizio di bus-navetta che ha frequenza corse ogni 30 minuti. Si parcheggia quindi nell’ampia area di sosta di Ponte Maria (q. 1164 m) a 8,5 km da Carisolo, vicino a Malga Genova e si raggiunge la partenza con il bus-navetta. La località Cascina Muta non è una fermata del bus e va richiesta al conducente.


Descrizione della salita:

1° Giorno
Attraversato il ponte sul Sarca si seguono le indicazioni e si scende in breve alla località Cascina Muta. Dietro la baita i segnali, poco evidenti, conducono verso destra, nel fitto bosco e dopo un breve tratto ripido lo attraversano con diversi saliscendi, brevi ma un poco disagevoli, in direzione S. Poco più avanti si incrocia il sentiero che sale da Ragada e proseguendo verso S (segnavia n. 207) si aggira un risalto roccioso e si arriva ai ruderi di Malga Cioch (q. 1605 m), entrando di fatto in Val Folgorida. Il sentiero ben segnalato sale verso SW nel bosco sempre più rado e raggiunge i ruderi di Malga Folgorida (q. 1978 m). Si prosegue fra i fitti cespugli e seguendo il sentiero in direzione WNW si risalgono poi gli ampi pendii di rocce ed erba che conducono su facili lastroni di granito. Poco oltre si entra in un ex sentiero di guerra, sempre segnalato e si sale in un bel ambiente roccioso d’alta quota. Superando anche delle gradinate in sassi si raggiunge la base della cresta del Belvedere. Il sentiero prosegue lungo un vasto terrazzo poco inclinato di ganda, che si traversa quasi in piano sotto il Crozzon di Folgorida e sempre seguendo i segnali si arriva in salita al Passo delle Topette (q. 2898 m). La dicitura Toppette e la quota 3100 riportata da alcune cartine, è errata. Da questo valico si scendere brevemente sul versante opposto e poi si traversa il Ghiacciaio della Lobbia con un ampio semicerchio verso W, fino a raggiungere l’evidente Passo della Lobbia Alta (q. 3015 m) e il vicino Rifugio Ai Caduti dell’Adamello (circa h 6,00 dalla partenza).

2° Giorno
Dal rifugio si raggiunge il vicino Passo della Lobbia Alta e si scende brevemente sulla vedretta. A causa del notevole ritiro del ghiacciaio, a SE del passo è affiorato un lungo crestone roccioso e per poterlo superare bisogna risalire per un breve tratto il pendio glaciale ad E della Cima Giovanni Paolo II. Si traversa poi a lungo in discesa verso SSE, fino ad arrivare al Passo di Val di Fumo (q. 2939 m), perdendo circa 100 m di dislivello (attenzione ai larghi crepacci presenti in prossimità del passo). Da qui si prosegue verso SE e in leggera salita si giunge in prossimità del Passo di Cavento (q. 3198 m), che si trova a sinistra del caratteristico spuntone roccioso battezzato dagli Alpini “La Bottiglia”. Il valico viene raggiunto per le ripide rocce di sinistra (passaggi di II), l’accesso alle rocce è segnalato e il percorso che al suo termine traversa sotto il Bivacco Laeng, è in parte attrezzato. Il versante opposto è maggiormente impegnativo ma anch’esso attrezzato. Lungo il tratto di rocce verticali che precedono la Vedretta di Lares è presente un cavo d’acciaio, ma si può scendere anche in corda doppia. Raggiunto il ghiacciaio (crepacci) si traversa quasi in piano sotto il versante NE del Corno di Cavento e poi, con pendenza più accentuata, si aggira sul ghiacciaio lo sperone E. Si volge quindi verso SW e in breve si arriva in prossimità della cresta S. Risalendo senza percorso obbligato le rocce rotte e i detriti dell´ampio pendio, si arriva facilmente in vetta (circa h 3,00 dal rifugio).


Discesa:

Dopo aver raggiunto la Vedretta di Lares si abbandona l’itinerario di salita e si scende in direzione NE. Il ghiacciaio è molto crepacciato e conviene dirigersi verso le rocce più vicine, che si trovano in direzione della sella fra il Crozzon di Lares e il Crozzon del Diavolo. Terminato il ghiacciaio si scende sui lastroni di granito levigati, in direzione E, a sinistra del ghiacciaio. Ai lastroni fa seguito un ripido pendio morenico e senza percorso obbligato si arriva al Lago di Lares (q. 2655 m), abbandonato ormai da tempo dal ghiacciaio. Percorrendone la riva meridionale si raggiungono le tracce del sentiero segnalato che ci condurrà a valle. Dal margine orientale della conca del lago, si scende a lungo il pendio in direzione E, i segnali ben presto diventano sempre più rari e le tracce poco evidenti. Guidati anche da rari ometti, fra rocce e dossi erbosi si arriva ai ruderi dell’ex rifugio Lares (q. 2085 m). Il sentiero ancora poco segnalato scende il bosco rado verso il torrente, lo costeggia in alcuni tratti e poi, seguendo le tracce in direzione N, si percorre un pianoro di pascolo e larici. Si superano dapprima i ruderi di Malga Pian e quindi il successivo ponte sul torrente, le tracce di sentiero conducono infine nella radura al cui termine sorge Malga Lares (q. 1891 m). Proseguendo per dossi erbosi si raggiunge il ponte sul Rio Lares dove inizia una ripida discesa. Il sentiero ora ben marcato fiancheggia il torrente con la fragorosa cascata di Lares e scende a lungo e con numerose svolte nel fitto bosco, fino a Malga Genova (q. 1115 m). Da qui in breve si raggiunge il parcheggio dove il giorno precedente abbiamo lasciato l’auto.


© VieNormali.it

Via Normale Corno di Cavento (trav.) - Il versante W del Passo di Cavento Via Normale Corno di Cavento (trav.) - Il Crozzon di Lares, dalla vetta Via Normale Corno di Cavento (trav.) - Il Corno di Cavento dall’itinerario di discesa
Il versante W del Passo di Cavento Il Crozzon di Lares, dalla vetta Il Corno di Cavento dall’itinerario di discesa

N° voti: 0

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
4 scalatori sono stati su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...

Mappa su Google:




Libri suggeriti sulle Alpi Occidentali:


Scalata fotografica Guarda la fotoscalata di Corno di Cavento (trav.)
Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...

Guide escursionistiche Guide escursionistiche consigliate:
           >> Arrampicare sportive e moderne in Valtellina, Valchiavenna, Engadina - Guido Lisignoli, Eraldo Meraldi, Andrea Pavan
           >> Solo granito - Mario Sertori e Guido Lisignoli

Revisione: relazione rivista e corretta il 15/02/2012 dalla redazione di VieNormali.it

  


Condividi su:  Share    




OFFERTE ATTREZZATURA E ACCESSORI OUTDOOR

Libri di montagna

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer