Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Area Partner   VieNormali su Facebook   Google+ VieNormali   Canale You Tube VieNormali   RSS Feed VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 



I Gui - Punta W - 2246 m


Relazione della salita - Cima n° 1493


Via Normale I Gui - Punta W
I Gui, Punta W
Regione: Estero (EsteroSvizzere

Alpi e Gruppo: Alpi Occidentali - Alpi Lepontine - Gruppo Onsernone

Provincia: Estero

Punto di partenza: Gresso (q. 994 m), Val di Vergeletto

Versante di salita: SW

Dislivello di salita: 1350 m - Totale: 2700 m

Tempo di salita: 4,00 h - Totale: 7,00 h

Periodo consigliato: maggio - novembre

Valle: Val di Vergeletto - Altre cime della Val di Vergeletto
Punti di appoggio: nessuno
Tipo di via: Via normale
Tipo di percorso: Traccia e roccette, passaggi su roccia
Difficoltà:   EE - A - II+ - PD- (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: no
Cartografia: CNS 1311 Comologno
Autore: Oliviero Bellinzani Profilo di Oliviero Bellinzani - Altre salite dell'autore
Data della salita: 01/11/2009
Data pubblicazione: 07/04/2010
N° di visualizzazioni: 1289

Introduzione:

Magnifica, impervia costiera al culmine della Val Busài costituita da due sommità (Punte W ed E) separate da un colle, col Pizzo Cramalina i Gui circondano quel magnifico, incantevole anfiteatro racchiuso fra rocce, dirupi e ampi pascoli ricchi di acqua che è l´ Alpe Canaa, splendido balcone affacciato sulla piana valmaggese e i monti d´ oriente. Un sogno, un´ oasi di rara e pura bellezza dove il tempo, il mondo stesso sembrano essersi fermati, riportando ad una dimensione umana nella quale dolce è chiudere gli occhi ed ascoltare il respiro del vento.


Accesso:

Da Milano autostrada dei laghi per Como-Chiasso. Superata la frontiera, proseguire sino a Bellinzona Sud, quindi per cantonale in direzione Locarno. Alla grande rotonda nei pressi dell´ aeroporto di Magadino imboccare il troncone autostradale che con una lunga galleria permette di evitare il centro di Locarno. All´ uscita prendere per Centovalli, Valli Maggia e Onsernone, e giunti a Ponte Brolla svoltare a sinistra in corrispondenza di un passaggio a livello seguendo le indicazioni Centovalli-Onsernone. Superato Verscio, si gira a destra per Valle Onsernone, che si risale sin poco oltre Russo, da dove sulla destra si imbocca la Valle di Vergeletto. La si percorre per un buon tratto sin poco prima del paese di Vergeletto, quindi si svolta a destra (indicazioni) e per una strada tortuosa si arriva a Gresso. Parcheggio nella piazza.


Descrizione della salita:

Dalla piazza di Gresso si attraversa il paese seguendo le indicazioni per il Passo della Bassa (1804), e su bella mulattiera, immersi in una fresca faggeta, si risale un costone che verso NE porta al Pian de la Crosa (1369), alpeggio in gran parte riattato molto panoramico. Rientrati nel bosco, si continua mantenendosi sulla dorsale sino a Bisadelle, dove gli alberi sembrano formare una grotta dal verde tappeto, per poi piegare a destra, attraversare un ruscello e raggiungere su sentiero a risvolti l´ Alpe Bassa (1744), posta in magnifica posizione. Dall´ alpe si risale brevemente e lasciata a sinistra la deviazione per l´ Alpe del Lago/Pizzo Cramalina, si procede verso destra in falsopiano lungo la testata della Valle della Campea fino al Passo della Bassa (2,30 ore), dal quale I Gui cominciano a scorgersi in tutta la loro bellezza. Dall´ insellatura si scende una trentina di metri sul versante opposto (N), quindi con lungo mezzacosta a W (sinistra) sotto le pendici settentrionali del Pizzo della Bassa (2023), unito al Pizzo Cramalina da una frastagliatissima cresta, con qualche saliscendi e superando alcuni canali, che ad inizio stagione possono richiedere l´ uso di piccozza e ramponi, in una mezzora si giunge alla splendida Alpe Canaa (1843). Lungo una traccia, si risale il ripido dosso erboso alle spalle delle due baite, una delle quali recentemente ristrutturata, sbucando su un pianoro delimitato a destra dalla cresta SSE della Punta E (2186), caratterizzata da un´ ampia fascia di pareti, ed a sinistra dalla frastagliata dorsale che unisce il Pizzo della Bassa al Pizzo Cramalina, che con la Punta W dei Gui chiude la valle. Ad un secondo pianoro la traccia si biforca, a destra porta al colle fra la Cima E e la Cima W, incrociandone una seconda che taglia l´ intero fianco SW dei Gui, mentre proseguendo dritti si giunge ad una pietraia dove questa si perde, dovendo poi risalire lo scosceso pendio sino a ricongiungersi con l´ altro itinerario. A propria discrezione si può seguire l´ uno o l´ altro percorso, puntando in ogni caso alla sella erbosa tra il Cramalina (sinistra) e la Punta W (destra) a monte di un grande gendarme. Una volta alla sella, si segue la cresta SW di erba e facili placche, aggirando a W su cengia esposta uno scalino roccioso, oppure superandolo direttamente a sinistra dello spigolo (II+). Quindi per l´ aereo filo di una placconata ed un ultimo ripido tratto erboso si raggiunge la vetta. Grosso ometto di sassi.


Discesa:

Come per la salita.


Note:

Escursione poco frequentata, si svolge in suggestivo ambiente solitario di grande bellezza ingiustamente trascurato e dimenticato che può riservare anche percorsi di ´Scrambling´. Dal colle fra le due cime, infatti, si può raggiungere la Punta W lungo la rocciosa cresta ESE, a tratti molto affilata ed esposta sopra gli abissi di entrambi i versanti. Il tratto più verticale si supera con arrampicata su placche inclinate disposte a scalini (III). Difficoltà alpinistiche nell´ ordine del PD. Per concatenare le due vette, invece, una volta tornati alla sella a monte del gendarme si segue la traccia a mezzacosta fin sotto la verticale del colle che le separa, arrivandovi per un ripido canalino erboso. Quindi, seguendo la cresta WNW della Punta E, se ne raggiunge la vetta dopo aver superato un tratto affilato e un breve scalino di rocce poco solide (II), difficoltà F/F+. Tale percorso può essere effettuato anche in senso contrario, salendo prima la Cima E (v. relazione). G. Brenna nella sua guida dei Monti Ticinesi parla di una traccia fra i rododendri che traversando a N poco sotto la Punta E porta direttamente da questa alla sella, ma l´ autore in occasione della sua salita alla Punta E non è riuscito a rintracciarla, forse a causa della neve che ricopriva parzialmente il pendio o forse perchè scomparsa col tempo.


© VieNormali.it

Via Normale I Gui - Punta W - Punta W e cresta di collegamento dalla Punta E Via Normale I Gui - Punta W - La cresta di salita. Via Normale I Gui - Punta W - In vetta
Punta W e cresta di collegamento dalla Punta E La cresta di salita. In vetta

N° voti: 0

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
1 scalatore è stato su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...

Mappa su Google:




Libri suggeriti sulle Alpi Occidentali:


Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...


  


Condividi su:  Share    




OFFERTE ATTREZZATURA E ACCESSORI OUTDOOR

Libri di montagna

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer