Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Area Partner   VieNormali su Facebook   Google+ VieNormali   Canale You Tube VieNormali   RSS Feed VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 



Monte Leone - 3553 m


Relazione della salita - Cima n° 1220


Via Normale Monte Leone
Il Monte Leone salendo alla Punta Terrarossa. A destra la Cresta W
Regione: Estero (EsteroSvizzere

Alpi e Gruppo: Alpi Occidentali - Alpi Lepontine - Gruppo Monte Leone

Provincia: Estero

Punto di partenza: Ospizio del Passo Sempione (q. 2005 m)

Versante di salita: SW

Dislivello di salita: 1850 m - Totale: 3700 m

Tempo di salita: 6,30 h - Totale: 12,00 h

Periodo consigliato: estate

Punti di appoggio: Ospizio del Sempione. Nessuno sul percorso.
Tipo di via: Via normale
Tipo di percorso: Traccia con ometti
Difficoltà:   EE - A - III- - PD+ (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: si
Cartografia: KOMPASS N. 89 Domodossola
Autore: Oliviero Bellinzani Profilo di Oliviero Bellinzani - Altre salite dell'autore
Data della salita: 29/08/1999
Data pubblicazione: 02/11/2009
N° di visualizzazioni: 14655

Introduzione:

Il Monte Leone è la massima elevazione delle Alpi Lepontine: montagna dal profilo imponente e nello stesso tempo elegante vista dalle praterie dell´ Alpe Veglia, presenta un aspetto decisamente più docile dal versante del Passo Sempione. Ascensione di notevole sviluppo e dislivello, con un tratto finale più o meno ostico a seconda dell´innevamento, l´ itinerario proposto corre lungo la cresta W, che si può seguire già da poco oltre il Colle dei Breithorn passando per la quota 3424, e scende dalla Sud compiendo un impegnativo circuito ad anello che tocca entrambe le dorsali. Al Monte Leone si può giungere anche dall´ Alpe Veglia, contornando verso S la base della grandiosa parete NE per poi scavalcare la linea di cresta e portarsi sull´ Alpjergletscher, risalendo il quale a propria discrezione ci si porta all´ una o all´ altra delle creste. Tuttavia, chi proviene dall´ Alpe Veglia in genere sale e scende dalla cresta meridionale, percorso più comodo e breve arrivando da sud. L´ Alpe Veglia si raggiunge da S. Antonio (1440), lasciando a Varzo la superstrada per il Confine di Stato.


Accesso:

Da Milano A26 per Gravellona Toce, quindi per superstrada, direzione confine di stato. Superata la dogana, si attraversano le Gole di Gondo, di eccezionale bellezza, risalendo quindi sino al Passo. Parcheggio nei pressi dell´ Ospizio.


Descrizione della salita:

Dall´Ospizio del Sempione si segue inizialmente la stradina che porta a Rotels, supera alcune casette in pietra salendo verso sinistra sino ad un bivio dove si segue il sentiero sulla destra, rimontando dei pendii erbosi in direzione di un traliccio dell´alta tensione. Passato il traliccio, si punta ad un grosso masso squadrato sotto lo sperone Nord-Ovest dell´Hubschorn a quota 2400 m. circa. Aggirato il masso a sinistra si scende un pendio-canale detritico seguendo il sentierino segnato da numerosi ometti che porta alla morena dell´Homattugletscher. Stando sulla destra, la si risale sul bordo lungo una traccia sempre ben visibile, arrivando ad una conca detritica con grossi pietroni, dominata dalla scarpata rocciosa che sostiene il ghiacciaio. Dalla conca si sale verso destra, ometti e segni di vernice , superando la parete (II) e proseguendo tra roccioni, facili placche levigate e tracce di sentiero verso sinistra, tenendosi ai margini del ghiacciaio, oppure più facilmente ma più faticosamente, ci si sposta sulla pietraia a grossi blocchi risalendola così da evitare la parete . Raggiunto l´Homattugletscher, lo si sale preferibilmente sulla sinistra, prendendo come riferimento la cresta che scende dalla Cima Nord del Breithorn. Per facili pendii che divengono via via più ripidi, superando qualche crepaccio a stagione inoltrata, si raggiunge la spianata nevosa del Breithornpass (3355), dal quale finalmente è possibile vedere la cima del Monte Leone. Piegando a sinistra, in 10/15 minuti si raggiunge il Breithorn Nord, a destra in 30 il Breithorn Centrale (v. relazioni). Dal passo si prosegue in direzione dell´ evidente piramide sommitale, e tenendosi a sinistra si scende l´ Alpjergletscher perdendo circa 150 metri di quota. Giunti sotto la verticale del colletto di quota 3403, la prima depressione a sinistra della vetta, si risale il pendio (30/35 gradi), che può presentare un ultimo tratto di sfasciumi, portandosi sulla cresta W, affacciata sull´ orrida e grandiosa parete nord. Trascurando l´ eventuale traccia che porta in parete, se ne segue il filo superando un primo breve scalino (III), quindi rocce più facili e spostandosi a sinistra si entra in un dietro a placche molto aperto, superato il quale senza altre particolari difficoltà, si prosegue sull´ aerea ed espostissima cresta con passaggi di misto sino alla vetta.


Discesa:

Dalla vetta si scende per balze rocciose e tracce lungo la cresta sud, abbassandosi quel tanto che basta per raggiungere l´ Alpjergletscher (le tracce proseguono dirette all´ Alpe Veglia ed entrano nel ghiacciaio più in basso). Non appena se ne scorge l´opportunità o eventuali segni di passaggio, per ripidi sfasciumi si scende sul ghiacciaio, risalendo al colle dei Breithorn, da dove per la via di salita. Chi non intendesse percorrere la cresta W, può utilizzare questo percorso anche in salita (difficoltà F+).


Note:

La salita del Monte Leone è una grande esperienza alpinistica a tutto tondo, inserita in un contesto spettacolare (magnifica vista sul Fletschorn...) che si presta a soddisfare ogni tipo di esigenza. Rinomata la ´Via della Paretina´, un pendio di neve e ghiaccio di oltre 45 gradi di pendenza, che dal Chaltwassergletscher un tempo arrivava fin sulla cresta W poco prima del colletto 3403, permettendo una salita in piolet-traction. Purtroppo oggi ciò e possibile solo ad inizio stagione e con buone condizioni a causa del continuo regresso dei ghiacciai (v. foto di copertina). Sulla parete NE, alta quasi mille metri, sono state invece aperte alcune dure vie alpinistiche di roccia, mentre molto frequentata è l´ ascensione scialpinistica, una classica che, grossomodo, ricalca l´ itinerario proposto.


© VieNormali.it

Via Normale Monte Leone - Il M. Leone dal Breithornpass. A sx la Cresta W, a dx la Sud
Il M. Leone dal Breithornpass. A sx la Cresta W, a dx la Sud

N° voti: 3 - Voto medio: Voto 5 stelle

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
7 scalatori sono stati su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...

Mappa su Google:




Libri suggeriti sulle Alpi Occidentali:


Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...

Revisione: relazione rivista e corretta il 25/06/2015 dalla redazione di VieNormali.it

  


Condividi su:  Share    




OFFERTE ATTREZZATURA E ACCESSORI OUTDOOR

Libri di montagna

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer