Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Area Partner   VieNormali su Facebook   Google+ VieNormali   Canale You Tube VieNormali   RSS Feed VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 



Toblacher Pfannhorn - Corno Fana di Dobbiaco - 2663 m


Relazione della salita - Cima n° 910


Foto via normale Toblacher  Pfannhorn - Corno Fana di Dobbiaco non disponibile Regione: Trentino Alto Adige (BolzanoItaliane

Alpi e Gruppo: Alpi Orientali - Alpi Noriche - Gruppo Monti di Casies

Provincia: Bolzano

Punto di partenza: Bergrast - ristoro a Kandellen (q. 1604 m), Toblach - Dobbiaco

Versante di salita: SW

Dislivello di salita: 1060 m - Totale: 2120 m

Tempo di salita: 3,15 h - Totale: 5,30 h

Periodo consigliato: fino ad autunno avanzato

Punti di appoggio: Bonnerhutte - Rifugio Bonner (q. 2340 m)
Tipo di via: Via normale
Tipo di percorso: Sentiero segnato
Difficoltà:   E - A - F (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: si
Cartografia: TABACCO nº 10 Dolomiti di Sesto/Sextener Dolomiten - 1:25.000
Autore: Ernesto Majoni Profilo di Ernesto Majoni - Altre salite dell'autore
Data della salita: 29/08/2010
Data pubblicazione: 29/08/2010
N° di visualizzazioni: 3971

Introduzione:

Il Corno Fana di Dobbiaco (Toblacher Pfannhorn, per distinguerlo dal Deferegger Pfannhorn - Corno Fana di Casies, che sorge poco più a N, alla testata della valle omonima) si eleva a NE di Dobbiaco, sul confine con l´Osttirol austriaco. Rispetto a tante cime delle Dolomiti, è un´autentica oasi di tranquillità, poiché è interessato da una frequentazione discreta, un po´ accresciuta da quando ai suoi piedi è stato riaperto il Bonnerhutte -Rifugio Bonner, elevato e comodo punto d´appoggio per la salita e per traversate escursionistiche. Con le sue lunghe creste di magra vegetazione e i versanti scanalati da profondi solchi erosivi, il Corno Fana è la cima più elevata del tratto della Cresta Carnica che domina l´alta Val Pusteria. Raggiunge "appena" i 2663 m, ma chi se la sentisse di inerpicarsi per almeno tre ore lungo un sentiero ripido e sassoso, conquistando la cima senza difficoltà ne trarrà grande soddisfazione.


Accesso:

L´amena frazioncina di Kandellen - Candelle si raggiunge con 5 km di strada da Dobbiaco attraverso Wahlen - Valle San Silvestro. Parcheggio limitato, proprio di fronte al ristoro Bergrast o prima, lungo la strada.


Descrizione della salita:

Si segue la strada asfaltata, quasi subito chiusa da una sbarra, che si inoltra ripida nel bosco (segnavia 25). A q. 1750 m, poco dopo il ponte sul torrente, si devia a sinistra (tab.), imboccando un´altra cararreccia, in costante e ripida salita. Dopo un´ora circa dalla partenza si esce dalla vegetazione in vista del Bonnerhutte - Rifugio Bonner, solitamente aperto da giugno a fine ottobre e talvolta anche d´inverno. Il rifugio, edificato dalla sezione Bonn del Club Alpino Tedesco e Austriaco, che ne fu proprietaria fino alla Grande Guerra, fu inaugurato il 28.6.1897. Dopo la guerra fu espropriato dal Demanio e destinato a scopi militari fino al 1971. Abbandonato, fu lasciato aperto, ospitò greggi di pecore e andò presto in rovina. Nel 2001 le rovine passarono in proprietà al Comune di Dobbiaco. Il Comune le ha affittate ad un falegname locale, che ha ristrutturato e riaperto il rifugio, inaugurandolo il 30.6.2007. Con un´altra oretta di salita, seguendo la sassosa carrareccia che s´inerpica a ripidi tornanti tra i magri pascoli, si giunge al rifugio. Il sentiero (tab.) lo costeggia e prosegue tra verdi lungo un marcato costone. In un´ora circa si giunge in vista della sommità, alla quale conduce un sentiero ben tracciato, che si tiene presso una recinzione anti-erosione.


Discesa:

Dal Rifugio si può tornare al punto di partenza anche seguendo il sentiero 25a, che percorre con un giro un po´ più lungo l´ampia valletta pascoliva dove sorge la malga Bergalm (q. 2085 m) e si collega al sentiero di salita all´altezza del ponte sul torrente.


Note:

Grazie all´altezza e alla posizione soleggiata ma abbastanza ventosa, il Corno Fana offre un panorama eccezionale su valli, paesi e monti. Quando l’aria è particolarmente limpida, infatti, da lassù si abbracciano in uno sguardo il Grossglockner, le Lienzer Dolomiten, la Cresta Carnica, le Dolomiti di Sesto e quelle di Braies, le più alte vette d´Ampezzo, l’Antelao e la Marmolada, le Zillertaler Alpen, le Vedrette di Ries e il Grossvenediger. In vetta, sotto l’alta croce, è posta un´artistica tavola in rame (copia di un lavoro realizzato da un ingegnere pusterese nel 1898), che aiuta gli escursionisti a riconoscere ben 102 montagne.


© VieNormali.it

N° voti: 1 - Voto medio: Voto 5 stelle

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
4 scalatori sono stati su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...

Mappa su Google:




Libri suggeriti sulle Alpi Orientali:


Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...

Revisione: relazione rivista e corretta il 02/11/2010 dalla redazione di VieNormali.it

  


Condividi su:  Share    




OFFERTE ATTREZZATURA E ACCESSORI OUTDOOR

Libri di montagna

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer