Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Area Partner   VieNormali su Facebook   Google+ VieNormali   Canale You Tube VieNormali   RSS Feed VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 



Grigna Sett.le - Via Invernale - 2410 m


Relazione della salita - Cima n° 666


Foto via normale Grigna Sett.le - Via Invernale non disponibile Regione: Lombardia (LeccoItaliane

Alpi e Gruppo: Prealpi - Prealpi Lombarde - Gruppo Grigne

Provincia: Lecco

Punto di partenza: Cappella del Sacro Cuore 900 m circa o Colle di Balisio circa 700 m- Valsassina

Versante di salita: E

Dislivello di salita: 1500 m - Totale: 3000 m

Tempo di salita: 3,30 h - Totale: 7-8 h

Periodo consigliato: Inverno con innevamento

Valle: Val Sassina - Altre cime della Val Sassina
Punti di appoggio: Rif. Brioschi (q. 2410 m)
Tipo di via: Via normale
Tipo di percorso: Traccia segnata
Difficoltà:   EE - A - F+ (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: si
Autore: Roberto Spatocco Profilo di Roberto Spatocco - Altre salite dell'autore
Data della salita: 13/01/2008
Data pubblicazione: 04/11/2008
N° di visualizzazioni: 7564

Introduzione:

Salita impegnativa e faticosa che sicuramente merita di essere fatta in quanto l’ambiente è sicuramente tra i più belli delle prealpi lombarde, a volte si ha la sensazione di trovarsi in cima a un 4000 tanta è la bellezza. È una salita da affrontare con un buon allenamento, meglio se lo si è anche sulla neve poichè la stanchezza si fa sentire nelle gambe con anticipo. Il dislivello può variare tra i 1500-1700 m. circa, in funzione della località di partenza. In entrambi i casi si consiglia di arrivare all´ultimo tratto dell´ascesa con un pò di forze di scorta nelle gambe, poichè la pendenza di questo è alquanto notevole. Per questa invernale è consigliabile avere la picozza, indispensabile avere i ramponi nello zaino, non sempre i bastoncini sono sufficienti, soprattutto in presenza di ghiaccio, non raro, in considerazione che la cresta finale è spesso ventilata. Il tempo di salita naturalmente dipende da molte variabili, non ultimo le condizioni atmosferiche e la presenza di ghiaccio. Mettere comunque in preventivo da 3 a 4 ore per la salita e circa 3 per la discesa.


Accesso:

La partenza può avvenire sia dalla Cappella del Sacro Cuore a circa 900 m. circa di quota che dalla stardina che in prossimità del colle di Balisio si stacca dalla statale della Valsassina. Meglio sarebbe partire dalla Cappella (possibilità di parcheggiare l´auto), ma non sempre la stradina è sgombra dalla neve e dal ghiaccio. In questo caso parcheggiare in prossimità dell´acquedotto. Partendo dalla cappelletta e con il bel tempo dopo breve tempo si perviene in prossimità di alcune baite da dove si può ammirare tutto il versante est del Grignone, con la pista di salita al centro e il rif. Brioschi nel punto più alto alla alla sinistra, posto a pochi metri sotto la cima. Vederlo da qui crea undoppio stato d´animo, positivo per la bellezza della parete, di meraviglia per la distanza che ci separa dalla vetta. In entrambi i casi lo spettacolo è bellissimo. Il sentiero prosegue evidente e dopo poco si incontra un segnavia con le indicazioni per il rif. Tedeschi al Pialeral posto a 1400 m. circa, prima che una valanga lo radesse al suolo. In rossimità è comunque risorto il rifugio derivato da un´abitazione del gestore. Il percorso fin qui si svolge prevalentemente in mezzo al bosco e con scarsa presenza di neve. Dalla partenza 1 h circa.


Descrizione della salita:

Lasciato alle spalle il Rif. Tedeschi si prosegue per sentiero o comunque con evidente traccia su neve, con media pendenza. Dopo poco si incontra sulla sinistra un segnavia che indica la via estiva che porta verso il bivacco Merlini e in media pendenza. Tralasciata questa indicazione si prosegue verso una baita denominata "ai Comoli" (1980 m circa. e 2 h circa) e presso la quale ci si ferma per prender un pò di respiro e/o per un ristoro energetico. Il panorama che si presenta davanti è spettacolare e spazia dalla Grignetta al Resegone, piuttosto che alla piramide della Sodadura e allo Zuccone Campelli e al Pizzo dei Tre Signori. Da qui in poi la pendenza aumenta e in funzione dell´innevamento e dalla sua durezza potrebbe essere necessari calzare i ramponi. Messili qui bisogna tener presente che l´andatura diventa un pò rallentata e tener conto di circa 2 h di cammino. La traccia resta sempre evidente anche in condizioni di poca visibilità poichè sono stati piantati diversi paletti colorati e nel tratto di cresta tra di loro sono uniti da una corda che serve SOLAMENTE come aiuto a non perdere la traccia. Al termine di questo tratto si sbuca in prossimità di una sella dove il panorama spazia ulteriormente, sia verso la Valtellina che verso le alpi svizzere e verso il gruppo del Monte Rosa. Da qui in poi abbiamo sicuramente calzato i ramponi, ma spesso anche prima. Da adesso in poi la salita deve essere fatta conparticolare attenzione sia per la presenza di cornici di neve sul lato destroverso ilversante nord, che per possibili tratti ghiacciati. Da qui si comincia ad intravvedere l´affilata cresta finale, prestare particolare attenzione soprattutto in disceca e dopo un pò la nostra meta, il rif. Brioschi (2410 m), posto qualche metro sotto la croce della vetta del Grignone. Ultimo sforzo in forte salita, attenzione a eventuali placche di ghiaccio, da percorrere con piede sicuro e con l´ausilio della picozza. Dal rifugio, meglio dalla croce, si può ammirare uno spettacolo veramente appagante che ci compenserà ampiamente dello sforzo sostenuto per arrivarci. Il panorama stupendo spazia a 360° dal Monte Rosa al Cervino, alle alpi Svizzere e a quelle della Valtellina, dal monte Disgrazia al Pizzo Bernina e in giornate particolarmente limpide si può vedere il Monviso che fuoriesce, spesso, da una coltre di nuvole. La meta poi è molto rinomata e conosciuta e la domenica è sempre percorsa da persone e il rifugio affollato. La sosta diventa piacevole e tonificante per le nostre gambe che dovranno affrontare la lunga discesa di ritorno. Se poi si è fortunati si può ammirare la croce della vetta e il rifugio così come è capitato a me (vedi foto). Non sottovalutare la discesa, in particolare nel tratto iniziale che è il più ripido. Tenere in considerazione la lunghezza del percorso e la stanchezza accumulata. L’escursione completa dura dalle 7 alle 9 ore.


Discesa:

Come per la salita.


Note:

Attenzione alle cornici di neve formate dal vento, spesso presenti nel versante NW e ai tratti di ghiaccio presenti anche sulla pista.


© VieNormali.it

Via Normale Grigna Sett.le - Via Invernale - Rif. Brioschi incrostato di neve Via Normale Grigna Sett.le - Via Invernale - La croce di vetta con la galaverna Via Normale Grigna Sett.le - Via Invernale - La cresta di discesa
Rif. Brioschi incrostato di neve La croce di vetta con la galaverna La cresta di discesa

N° voti: 0

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
8 scalatori sono stati su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...

Mappa su Google:




Libri suggeriti sulle Prealpi:


Prealpi Lombarde Centrali  Prealpi Lombarde Occidentali  Prealpi Bresciane  Ferrate in Lombardia e Svizzera   Nel giardino di pietra  Corni di Canzo e Moregallo  Scialpinismo tra Lombardia e Grigioni  Ghiaccio delle Orobie
Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...

Guide escursionistiche Guide escursionistiche consigliate:
           >> Ghiaccio Orobico - Michele Cisana
           >> Arrampicate sportive e moderne fra Lecco e Como - Eugenio Pesci
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 1 - Alessio Pezzotta
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 2
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 3
           >> Prealpi Lombarde Centrali


  


Condividi su:  Share    




OFFERTE ATTREZZATURA E ACCESSORI OUTDOOR

Libri di montagna

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Kamchatka con Kailas

Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

APP Idea Montagna:
Download Apple Store
Download Google Play Store
Scarica singoli itinerari di montagna
o libri interi sul tuo cellulare o tablet!

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni

Libri di montagna ViviDolomiti

Carte escursionistiche e libri Geo4Map

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer