Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 

OFFERTE OUTDOOR

Placche dei Ghiaccioni (Via del Chiodo Fisso) - 1800 m


Relazione della salita - Cima n° 547


Via Normale Placche dei Ghiaccioni (Via del Chiodo Fisso)
Sviluppo della "Via del chiodo fisso"

Regione: Italiane Emilia Romagna (Reggio Emilia)
Alpi e Gruppo: Appennini - Appennino Settentrionale - Gruppo Appennino Reggiano
Provincia: Reggio Emilia
Punto di partenza: Chiesa di Succiso Nuovo - Altre cime della
Versante di salita: NE
Dislivello di salita: 250 m - Totale: 800 m
Tempo di salita: 3,00 h - Totale: 7,00 h
Difficoltà:   EEA - AR - IV+ - AD+ (scala difficoltà)
Periodo consigliato: primavera
Punti di appoggio: nessuno
Tipo di via: Via normale
Tipo di percorso: Via di roccia
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: no
Autore: Foto non presente Luca Pezzi - Altre salite dell'autore
Data della salita: 12/08/2007
Data pubblicazione: 29/01/2010
N° di visualizzazioni: 2269

Introduzione:

La sinistra idrografica della Valle della Liocca è caratterizzata da interessanti placconate di arenaria che scendono, orientate ad Est, dal Monte Buffanaro e dai Groppi di Camporaghena. Già individuabili risalendo in auto la Valle dei Cavalieri, si fanno più evidenti dall´amena radura dei Ghiaccioni. La via sale la struttura rocciosa posta nelle vicinanze del sentiero che da Succiso Nuovo sale al Passo di Pietra tagliata, poco dopo aver superato i Ghiaccioni (ore 1,40 da Succiso).


Accesso:

Attacco: dalla chiesa di Succiso Nuovo seguire il sentiero n. 653, poi il 653a fino ai Ghiaccioni (ore 1,30). Proseguire verso il passo di Pietra Tagliata e raggiungere poco sopra un´altra bella radura dalla quale la salita è tutta visibile e contraddistinta da tre fasce rocciose. La prima è aggirabile facilmente a sinistra, ma la via la supera attaccando nel punto più altro della pietraia (segno nella roccia).


Descrizione della salita:

1° tiro - Salire facilmente le rocce appoggiate fino ad un chiodo a pressione, visibile a ca. 25 m, e andare a sostare sugli alberelli al termine della prima fascia rocciosa. 50 m + 10 di prato, III.
Salire corda in mano per il pendio erboso ca. 50 m fino all´attacco della bella placca della seconda fascia rocciosa. Un chiodo a pressione indica il punto d´inizio del tiro.

2° tiro - Salire verticalmente fino alla sosta . 35 m, III e IV, un chiodo normale ed uno spit.

3° tiro – Salire la bella placca fino alla sosta. 35 m, III e IV, uno spit.

4° tiro – Traversare ca. 20 m a destra per roccia ed erba fino alla sosta su due chiodi a pressione. I (conviene procedere con le scarpe da rientro).

5° tiro – Verticalmente ad un primo chiodo normale, poi ad uno spit. Traversare a sinistra qualche metro e salire verticalmente alla sosta. 30 m, IV e IV+, due chiodi normali ed uno spit. Da questo punto è possibile uscire dalla via puntando ad una evidente forcelletta con alberello e calandosi poi per qualche metro nel canalone di discesa. 50 m, II.

6° tiro – Con andamento a sinistra, salire per belle placche con qualche lastra instabile. Sosta meno comoda delle altre su uno spit. 50 m, III e IV, uno spit e un chiodo normale.

7° tiro - Ancora verticalmente fino alla cresta sommitale. Sosta su spuntone, 40 m III e IV, uno spit.

8° tiro – Facilmente, ma con prudenza, seguire la cresta rocciosa ed erbosa fino al prato sommitale. 50 m, I e II (conviene procedere con le scarpe da rientro).


Discesa:

Discesa: è possibile evitare l´ultimo tratto infido calandosi dalla sosta per una quindicina di metri nell´evidente canalone di erba e sassi che riporta all´attacco (ca. 30 minuti). Ritorno a Succiso Nuovo per lo stesso sentiero di salita.


Note:

Sviluppo totale dell´arrampicata: ca. 310 m
1° salita - Gino Montipò - Luca Pezzi il 12 agosto 2007
Roccia abbastanza buona, un paio di tratti erbosi per raccordare i vari tiri non disturbano più di tanto l´ascensione. Arrampicata tecnicamente facile e con qualche via di fuga, ma le scarse protezioni intermedie, l´avvicinamento, la lunghezza inusuale per l´Appennino, il rientro e l´isolamento la rendono una salita "alpinistica" di soddisfazione, soprattutto per chi è alle "prime armi". Le soste sono chiodate a spit. La roccia non si presta all´uso di dadi o friends, scarse possibilità di utilizzo anche dei chiodi normali.


Revisione:
relazione rivista e corretta il 25/10/2012 dalla redazione di VieNormali.it
© VieNormali.it

Condividi su:  Share    

Mappa su Google:




  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...
Ultime 10 scalate Ultime 10 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...

Guide escursionistiche Guide escursionistiche consigliate:
           >> Alta Maremma e Selva del Lamone - Edizioni Il Lupo
           >> Bambini in Appennino - Alberto Osti Guerrazzi, Aldo Frezza
           >> Ciaspolate - Domenico Vasapollo
           >> Ghiaccio d'Appennino
           >> Appennino Bianco - Vol. 1
           >> Appennino Bianco - Vol. 2




In Primo piano

111 Cime attorno a Cortina

111 Cime attorno a Cortina

A piedi sul Gran Sasso

A piedi sul Gran Sasso

A piedi sui Monti Sibillini

A piedi sui Monti Sibillini

I Rifugi delle Dolomiti - Veneto e Friuli

I Rifugi delle Dolomiti - Veneto e Friuli

I Rifugi delle Dolomiti - Trentino Alto Adige

I Rifugi delle Dolomiti - Trentino Alto Adige

Arco pareti

Arco pareti

Trekking sulle Alpi di Torino

Trekking sulle Alpi di Torino

Dolomiti Brenta Val Ambiez

Dolomiti Brenta Val Ambiez

3000 delle Dolomiti

3000 delle Dolomiti

Dolomiti d'Oltrepiave

Dolomiti d'Oltrepiave

Piccozza Camp Corsa

Piccozza Camp

Ramponi Petzl Sarken

Ramponi Petzl


VieNormali consiglia

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti





Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni

Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer