Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Area Partner   VieNormali su Facebook   Google+ VieNormali   Canale You Tube VieNormali   RSS Feed VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 



Sass Rigais - 3025 m


Relazione della salita - Cima n° 353


Via Normale Sass Rigais
Cima vista da N
Regione: Trentino Alto Adige (BolzanoItaliane

Alpi e Gruppo: Dolomiti - Alpi Dolomitiche - Gruppo Odle

Provincia: Bolzano

Punto di partenza: Rif. Col Raiser (q. 2107 m)

Versante di salita: SE-SW

Dislivello di salita: 900 m - Totale: 1800 m

Tempo di salita: 4,00 h - Totale: 7,00 h

Periodo consigliato: giugno - settembre

Valle: Val Gardena - Altre cime della Val Gardena
Punti di appoggio: Malga Piera Longia (q. 2297 m), Rif. Firenze (q. 2039 m)
Tipo di via: Via ferrata
Tipo di percorso: Sentiero e traccia, via ferrata
Difficoltà:   EEA - I+ - F+ (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: si
Cartografia: TABACCO N. 030 Bressanone, Val di Funes 1:25000
Autore: Roberto Ciri Profilo di Roberto Ciri - Altre salite dell'autore
- Segui Roberto Ciri su Google+
Data della salita: 31/07/2010
Data pubblicazione: 03/08/2010
N° di visualizzazioni: 21937

Introduzione:

Il Sass Rigais è, insieme alla vicina Gran Furchetta, la cima più alta del gruppo delle Odle (Geisler in tedesco) e costituisce un bel e facile 3000 delle Dolomiti da salire attraverso due vie ferrate di media difficoltà che non presentano particolari problemi. La cima assume il suo imponente aspetto vista da nord, dalla sottostante bellissima Val di Funes, da cui si ha una vista incredibile sui pilastri e spigoli di tutte le Odle che piombano dirette con le loro pareti sui sottostanti ghiaioni. In genere il percorso viene effettuato in traversata E-W, salendo per la ferrata del versante E e scendendo per quella del versante W, ma nulla vieta di effettuare il contrario, sebbene la salita da W sia più lunga e faticosa, con tratti più ripidi nelle parti attrezzate.


Accesso:

Da Bolzano si prosegue lungo la Val d’Isarco in direzione di Chiusa. Prima della cittadina si svolta verso la Val Gardena in direzione Ortisei. Proseguendo sulla stessa strada si arriva al paese di S. Cristina, dove si lascia la macchina per prendere la funivia per il Col Raiser o proseguire a piedi fino al Rif. Firenze.


Descrizione della salita:

Lasciata l’auto a S. Cristina si può decidere se utilizzare la cabinovia al Col Raiser fino al rifugio Col Raiser (q. 2107 m), oppure camminare lungo la strada sterrata che congiunge la stazione della funivia a valle con il rifugio Firenze (q. 2037 m). A seconda che si raggiunga il Col Raiser o il Rif. Firenze e che si intenda salire per la ferrata E o W il percorso di avvicinamento è differente. Dal Col Raiser è possibile seguire la stradina bianca in direzione della malga Piera Longia (q. 2297 m), per poi percorrere il sentiero n. 2b in direzione del Plan de Ciautier (q. 2263 m, vasto pianoro ai piedi delle Odle). Tale percorso è da utilizzare per chi desiderasse salire la ferrata sul versante W. Qui viene descritto il percorso in traversata da E a W e salendo in cabinovia al Col Raiser.

Dal Col Raiser seguire il sentiero subito a destra che scende di circa 70 m di dislivello verso il visibile Rif. Firenze (20 min.). Raggiunto il rifugio seguire le indicazioni per il sent. n. 13 verso il Sass Rigais: il sentiero risale attraverso bellissimi prati e giunge al Plan de Ciautier. Dal Plan de Ciautier si prosegue verso destra (bivio con cartelli) rimanendo sotto al Sass Rigais e risalendo in diagonale verso l'imbocco del vallone della Val Salieres. Si risale tutto il vallone per sentiero a svolte sul ghiaione, fino a raggiungere l'ampia forcella fra la Gran Furchetta a destra e il Sass Rigais a sinistra (1 h).

Dalla forcella ci si dirige a sinistra verso le rocce dello zoccolo, si risalgono le prime facili rocce non attrezzate (I) e quindi una breve dorsale di roccette e ghiaie che conduce ad una cresta di ghiaie. Qui inizia la ferrata, molto ben realizzata con un solido cavo di acciaio, che risale una articolata parete in traversata verso sinistra e con alcuni tratti un po’ più verticali. Risalite le prime rocce si prosegue in diagonale verso sinistra, si scende un breve tratto non attrezzato sopra ad un canale (I-) e oltrepassato il canale si riprende la fune. Si risale in diagonale aiutati da staffe di ferro e quindi per solide rocce e si doppia uno spigolo oltre il quale una larga spaccatura va superata con una spaccata. Si prosegue fino ad un terrazzo ghiaioso su cui la fune termina per riprendere poco più in là. Si risale l'articolata parete rocciosa con bella roccia solida da arrampicare, alternando alcuni tratti attrezzati con brevi e facili tratti di sentiero non attrezzato, fino ad uscire su una larga dorsale di ghiaie e roccette. Si risale la dorsale sul lato destro (ometti) e si raggiunge una larga cengia sotto la cima, di nuovo con cavo metallico. Percorsa la breve cengia si raggiunge lo stretto roccione sommitale con la grande croce di vetta (1,30 h).


Discesa:

Dalla cima si può scendere per la stessa ferrata sul versante E, ma se si ha tempo e il meteo lo permette conviene effettuare la traversata scendendo dal versante W: dalla cima seguire la stretta cresta che scende gradatamente verso S, a tratti attrezzata con cavo metallico (I- nei tratti non attrezzati e con leggera esposizione). La cresta porta alla parete S che si discende su ottima roccia solida aiutati dal cavo metallico, alternando tratti ripidi a cenge, saltini e tratti di cresta. La fune termina circa a metà parete e il resto del percorso di discesa avviene su traccia di sentiero segnato da segni rossi e qualche ometto di sassi. Ad un certo punto sulla destra si nota una traccia che taglia il pendio e porta al canale fra le due punte del piccolo Sass Rigais: seguendo tale traccia si percorre il sentiero che porta alla Forc. de Mesdì (tratti attrezzati e tracce), con la possibilità di salire per facile pendio di ghiaie e roccette la punta W del piccolo Sass Rigais. Seguendo invece la traccia di discesa verso S si continua lungamente per terreno roccioso (max I+) fino a portarsi verso destra in direzione del canalone che scende verso S dalla Forc. de Mesdì. Si raggiunge il canalone attraverso altri brevi tratti attrezzati per cenge e canaletti, passando sotto ad un grosso masso. Il cavo termina sulle ghiaie del canalone, da discendere con evidente traccia segnata fino al ghiaione pianeggiante alla base. Dal ghiaione seguire il sentiero verso destra attraverso i prati fino ad un bivio con cartello segnaletico: si può scegliere se tornare al Rif. Firenze e poi risalire al Col Raiser (percorso più breve e veloce) o traversare verso la Piera Longia (alto pietrone in mezzo ai prati ben visibile) e da lì scendere per sentiero alla strada sterrata che collega la malga Piera Longia al Col Raiser (bel percorso ma ben più lungo). Seguendo questo percorso si impiegano 3h dalla cima al Col Raiser.


Note:

Se si decide di utilizzare la cabinovia è bene calcolare i tempi per il ritorno poiché essa chiude alle 17.30 (luglio 2010). Inoltre il parcheggio a S. Cristina davanti la stazione della funivia costa 2,50 € e le tariffe della cabinovia sono di 15 € andata e ritorno (luglio 2010). Nello scendere o salire da una o l'altra ferrata tenere conto che si potranno incontrare altre persone che salgono o scendono, pertanto prestare attenzione a non far cadere sassi. Grandioso panorama sulla sottostante Val di Funes, sui ghiacciai degli alti Tauri in Austria, sul Sella, Marmolada e Sassolungo.


© VieNormali.it

Via Normale Sass Rigais - Lungo la via di salita Via Normale Sass Rigais - In vetta
Lungo la via di salita In vetta

N° voti: 4 - Voto medio: Voto 4 stelle

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
20 scalatori sono stati su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...

Mappa su Google:




Libri suggeriti sulle Dolomiti:

Libro 3000 delle Dolomiti


Camminare  Scialpinismo e ciaspole Pale San Martino  Vie Normali Dolomiti - I 3000 delle Dolomiti  Marmolada e San Pellegrino  Dolomiti di Fiemme e Fassa  Vie Normali 111 Cime Dolomiti attorno a Cortina  Ferrate nelle Dolomiti Centrali  Ferrate nelle Pale di San Martino
Escursionismo consapevole in Dolomiti  Escursioni a Cortina e Misurina  Ferrate nelle Dolomiti Bellunesi  Escursioni ad Anello nelle Dolomiti Occidentali  Escursioni a Madonna di Campiglio  Via delle Bocchette e Ferrate del Brenta  Vie ferrate dell'Alto Garda  Dolomiti Oltre Piave
Vie ferrate Cortina Ampezzo  IV grado Dolomiti Occidentali Vol. 1  IV grado Dolomiti Occidentali Vol. 2  IV Grado - Dolomiti Orientali 1  IV Grado - Dolomiti Orientali 2  Dolomiti di Brenta - Val d'Ambiez  Dolomiti di Brenta Vol. 2  Dolomiti di Brenta Vol. 3
Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali  Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali  Dolomiti Photo  Dolomiti UNESCO a tavola  DoloMITICHE Opere d'arte a cielo aperto  Freeride e Scialpinismo in Sella e Sassolungo  Sci Ripido e Scialpinismo - I 3000 delle Dolomiti  Scialpinismo e ciaspole nelle Dolomiti di Brenta
Scialpinismo e Freeride nel Gruppo della Marmolada  Scialpinismo Freeride e Ciaspole nelle Pale di San Martino  Wild Dolomiti  Scialpinismo in Comelico - Sappada  Dolomiti - Sentieri dedicati  Dolomiti  Dolomiti di Sesto (vol. 1)  Dolomiti di Sesto (vol. 2)
Via ferrata Relazione e foto della via ferrata Sass Rigais su VieFerrate.it (in collab. con VN)
Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...

Guide escursionistiche Guide escursionistiche consigliate:
           >> Mountain Bike in Val di Fassa - Francesco Cappellari
           >> Roccia d'Autore - Emozioni Dolomitiche - Stefano Michelazzi
           >> IV grado - Dolomiti Occidentali Vol. 1 - Emiliano Zorzi
           >> IV grado - Dolomiti Occidentali Vol. 2 - Emiliano Zorzi
           >> Bruno Detassis e le sue vie - Omar Oprandi
           >> IV grado - Quarto grado e più Friuli Occidentale - Emiliano Zorzi
           >> IV grado - Quarto grado e più Friuli Orientale - Emiliano Zorzi
           >> Ferrate a Cortina
           >> Moiazza - Roccia tra luce e mistero
           >> Croda Rossa d'Ampezzo
           >> Dolomiti di Sesto (vol. 1)
           >> Dolomiti di Sesto (vol. 2)
           >> Dolomiti Monte Cristallo
           >> Preti - Duranno
           >> Sorapís e Marmarole Occidentali
           >> VieNormali delle Dolomiti - Marmolada - R. Ciri
           >> Vie e vicende in Dolomiti - Ivo Rabanser, Orietta Bonaldo
           >> Dolomiti - Giorni Verticali - Stefano Ardito
           >> Pale di San Martino - Samuele Scalet, con Sebastiano Zagonel, Tullio Simoni, Mariano Lott, Duilio Boninsegna
           >> Scialpinismo in Tirolo - Roberto Iacopelli
           >> Marmolada - Parete Sud - Maurizio Giordani
           >> Tre Cime - Erik Svab, Giovanni Renzi
           >> Sulle tracce di pionieri e camosci - Vittorino Mason
           >> Camminare - Samuele Scalet
           >> 111 Cime attorno a Cortina
           >> 3000 delle Dolomiti
           >> Dalle ciaspole al telemark


  


Condividi su:  Share    




OFFERTE ATTREZZATURA E ACCESSORI OUTDOOR

Libri di montagna

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Kamchatka con Kailas

Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

APP Idea Montagna:
Download Apple Store
Download Google Play Store
Scarica singoli itinerari di montagna
o libri interi sul tuo cellulare o tablet!

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni

Libri di montagna ViviDolomiti

Carte escursionistiche e libri Geo4Map

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer