Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Area Partner   VieNormali su Facebook   Google+ VieNormali   Canale You Tube VieNormali   RSS Feed VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 



Pizzo Tresero - Cresta W - 3594 m


Relazione della salita - Cima n° 2009


Via Normale Pizzo Tresero - Cresta W
Il Pizzo Tresero, la Vedretta di Tresero e la Cresta Ovest.
Regione: Lombardia (SondrioItaliane

Alpi e Gruppo: Alpi Orientali - Alpi Retiche - Gruppo Ortles Cevedale

Provincia: Sondrio

Punto di partenza: Rif. Arnaldo Berni sulla strada del Passo Gavia (q. 2541 m)

Versante di salita: W

Dislivello di salita: 1053 m - Totale: 2200 m

Tempo di salita: 4,00 h - Totale: 6,15 h

Periodo consigliato: da fine giugno a settembre

Valle: Valle del Gavia - Altre cime della Valle del Gavia
Punti di appoggio: Rif. Arnaldo Berni - (q. 2541 m)
Tipo di via: Via normale
Tipo di percorso: Traccia e roccette, passaggi su roccia
Difficoltà:   EE - A - III- - PD+ (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: no
Cartografia: TABACCO 1:25.000 Foglio N. 8 Ortles - Cevedale
Autore: Gabriele Attanasio Profilo di Gabriele Attanasio - Altre salite dell'autore
Data della salita: 19/08/2009
Data pubblicazione: 14/08/2011
N° di visualizzazioni: 4136

Introduzione:

Meravigliosa cima, simbolo dell´intera vallata. Con le sue impressionanti dimensioni e la maestosa forma piramidale, domina l´abitato di Santa Caterina (2000 metri più in basso) e tutta l´alta Valfurva. È la prima da Ovest delle famose “Tredici Cime” che contornano il grande Ghiacciaio dei Forni. Montagna molto conosciuta e frequentatissima, sia d´estate che in condizioni invernali. – Da Santa Caterina Valfurva, o dal Passo Gavia, si percorre la strada del Passo fino a giungere al Rifugio Berni, nei pressi del quale si trovano una chiesina ed il monumento ai caduti (m. 2541).


Accesso:

Dal Rifugio Berni, si scende pochi metri su una sterrata ad attraversare il Torrente Gavia, per poi risalire di poco sino a raggiungere il vecchio Rifugio Gavia (abbandonato). Si prende in direzione del Ponte dell´Amicizia, seguendo il sentiero n° 25 che dopo aver attraversato un canale ed aver lasciato sulla sinistra la deviazione per il Ponte di Pietra, percorre il placido ed erboso Pian Bormino. Aggirato un costone roccioso si scende alcuni metri verso il fondo della Val Dosegù dove, tramite il Ponte dell´Amicizia, si valica la forra dell´omonimo torrente e si raggiunge un bivio sull´altra sponda.


Descrizione della salita:

Continuando sul sentiero n° 25, e tralasciando l´itinerario per il Pizzo Tresero, si prende a sinistra e si risale faticosamente un erto dosso erboso ornato da costole rocciose, che si oltrepassa circa duecento metri più in alto. Oltre il dosso, si continua in lieve salita prima su pascolo, poi prevalentemente su detriti, percorrendo in direzione Nord dei grandi e panoramici terrazzi naturali. Superato l´innesto del sentiero che proviene dal Ponte di Pietra, si continua la lunga diagonale sui terrazzi fino ad un bivio nei pressi di un corso d´acqua. Si tralascia ad Ovest l´itinerario in discesa n° 25b e si prosegue a destra sul sentiero n° 25, risalendo un tratto più ripido sul soprastante pendio detritico e rimontando con fatica il dosso successivo. Si giunge così nella piana alluvionale sotto la Vedretta di Tresero. Si passa vicino a delle belle rocce montonate e, poco più avanti, si guada il torrente che scende dal ghiacciaio. Si continua in ripida salita su detriti e sulla successiva gobba rocciosa che si supera con qualche passaggio di I° grado (attenzione), giungendo così, al termine di un altro erto pendio di sfasciumi, alla Capanna Bernasconi (m. 3074 – ex rifugio, ormai in stato di abbandono – ore 2,20 dal parcheggio). Dalla Capanna, si attraversa verso destra il retrostante pendio di sfasciumi, per raggiungere l´intaglio tra la Punta del Segnale e la Cresta Ovest del Pizzo Tresero. Dall´intaglio si inizia a risalire la cresta su mobili detriti (attenzione a non smuovere qualcosa di grosso), tenendosi sul lato destro (Sud) ed aggirando alcuni affioramenti rocciosi, fino a giungere sotto un largo risalto che sbarra la cresta. Lo si sale direttamente, cercando i passaggi più semplici (II°/III°- 30 metri ca.) in una rientranza della parete e ponendo attenzione alla scarsa qualità della roccia (sul filo di cresta la roccia è leggermente migliore ma i passaggi sono più difficili), fino a raggiungerne la sommità (poco prima si trova un cordino). Tornati di nuovo sul blando filo detritico si piega a sinistra percorrendo un breve tratto pianeggiante oltre il quale si risale un altro tratto di ripidi sfasciumi e si perviene sulla sommità della spalla Ovest (m. 3433). Si continua ora in salita costante, su neve o detriti, tenendosi sempre sulla destra del filo di cresta. Superati un risalto più ripido, un canalino ed un altro risalto, si rimonta l´ultimo pendio di detriti e, in breve, si raggiunge la grande croce posta sulla vetta del Pizzo Tresero (m.3594 – ore 4 dalla macchina).


Discesa:

La discesa si svolge lungo la Via Normale per la cresta Sud, la Vedretta di Punta Pedranzini (ormai quasi scomparsa) ed il versante Sud.


Note:

Su una montagna come questa, piccozza e ramponi sempre al seguito. Sul breve tratto dove si arrampica la corda è utile ma non indispensabile. Bella e varia salita alternativa, un po´ monotona solo nell´ultimo tratto. Porre sempre attenzione al terreno mobile. Volendo, si può evitare il primo tratto della dorsale (compreso il salto roccioso), montando sulla Vedretta di Tresero (ramponi - non ci sono crepacci rilevanti) e compiendo un largo semicerchio fino alla sua propaggine settentrionale, a pochi metri dal tratto pianeggiante della cresta.


© VieNormali.it

Via Normale Pizzo Tresero - Cresta W - La Cresta Ovest dalla Punta del Segnale. Via Normale Pizzo Tresero - Cresta W - Ultimi metri prima della vetta. Via Normale Pizzo Tresero - Cresta W - Il Ghiacciaio dei Forni dalla cima.
La Cresta Ovest dalla Punta del Segnale. Ultimi metri prima della vetta. Il Ghiacciaio dei Forni dalla cima.

N° voti: 1 - Voto medio: Voto  stelle

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
5 scalatori sono stati su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...

Mappa su Google:




Libri suggeriti sulle Alpi Orientali:


L'anima del Gran Zebrù  Ferrate in Lombardia e Svizzera   Scialpinismo tra Lombardia e Grigioni
Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...

Guide escursionistiche Guide escursionistiche consigliate:
           >> Arrampicare sportive e moderne in Valtellina, Valchiavenna, Engadina - Guido Lisignoli, Eraldo Meraldi, Andrea Pavan
           >> Solo granito - Mario Sertori e Guido Lisignoli


  


Condividi su:  Share    




OFFERTE ATTREZZATURA E ACCESSORI OUTDOOR

Libri di montagna

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Primo Piano

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Carta Valsesia

Carta Valsesia

Carta Val Formazza

Carta Val Formazza

Scialpinismo in Dolomiti

Scialpinismo in Dolomiti

Scialpinismo nelle Alpi Giulie Occidentali

Scialpinismo nelle Alpi Giulie

Appennino di neve e di ghiaccio

Appennino di neve e di ghiaccio

Scialpinismo a Cortina d'Ampezzo

Scialpinismo a Cortina d'Ampezzo

Ghiaccio Salato

Ghiaccio Salato


Giardini di Cristallo


Scialpinismo in Tirolo


Ciaspolate

Neve libera

Neve libera

Ghiaccio d'Appennino

Ghiaccio d'Appennino

Ghiaccio svizzero

Ghiaccio svizzero

Family Experience in Friuli Venezia Giulia

Alpe Adria Trail

Family Experience in Friuli Venezia Giulia

Family Experience in Friuli Venezia Giulia

Walking Experience in Friuli Venezia Giulia

Walking Experience in Friuli Venezia Giulia


VieNormali consiglia

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer