Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Area Partner   VieNormali su Facebook   Google+ VieNormali   Canale You Tube VieNormali   RSS Feed VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 



Punta San Matteo - dai Forni - 3678 m


Relazione della salita - Cima n° 2003


Via Normale Punta San Matteo - dai Forni
La Punta San Matteo da NE
Regione: Lombardia (SondrioItaliane

Alpi e Gruppo: Alpi Occidentali - Alpi Retiche - Gruppo Ortles Cevedale

Provincia: Sondrio

Punto di partenza: Albergo Ghiacciaio dei Forni (q. 2178 m)

Versante di salita: NE

Dislivello di salita: 1500 m - Totale: 3000 m

Tempo di salita: 5,00 h - Totale: 9,30 h

Periodo consigliato: estate

Valle: Valle dei Forni - Altre cime della Valle dei Forni
Punti di appoggio: Rif. Branca (q. 2487 m)
Tipo di via: Via normale
Tipo di percorso: Traccia su ghiacciaio
Difficoltà:   EE - AG - I - PD (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: no
Cartografia: TABACCO 1:25.000 Foglio N. 8 Ortles - Cevedale
Autore: Piero Vardinelli Profilo di Piero Vardinelli - Altre salite dell'autore
Data della salita: 09/2002
Data pubblicazione: 10/08/2011
N° di visualizzazioni: 8148

Introduzione:

Vetta ambita e molto frequentata sulla catena che delimita a S il Ghiacciaio dei Forni. Già ampiamente descritta nelle relazioni:
Punta San Matteo – Cresta S
Punta San Matteo – Ver. E
Punta San Matteo – Ver. SW
mi limiterò a fornire alcune indicazioni a mio avviso importanti per coloro che intendono intraprendere questo grandioso itinerario glaciale da NE.
In questi ultimi decenni il costante ritiro e smagrimento del ghiacciaio hanno modificato sensibilmente il percorso rendendolo più impegnativo con la comparsa di numerose zone crepacciate, inoltre alcuni pendii sono diventati assai ripidi e sono apparsi diversi affioramenti rocciosi non riportati dalla cartografia. Va precisato che, raggiunta la lingua valliva sotto il Rifugio Branca, l’intero percorso si svolge sul ghiacciaio ed è opportuno prestare la massima attenzione lungo tutto il percorso, sia per la continua presenza di crepacci, sia per la possibile cadute di ghiaccio o neve nella rampa trasversale a circa metà percorso, dove bisogna passare sotto una fascia di seracchi. Il passaggio chiave è sicuramente il pendio molto ripido e crepacciato posto al termine della rampa trasversale, prima di raggiungere il facile plateau fra il Giumella e il San Matteo. In questo tratto la presenza di ghiaccio vivo, in particolare a stagione inoltrata, rende l´ascesa assai ardua, con difficoltà decisamente superiori a quelle riportate nella scheda. Ritengo pertanto sia opportuno affrontare la salita quando è ancora presente una discreta copertura nevosa. L’itinerario proposto qui di seguito corrisponde anche a quello sci-alpinistico (con partenza dal Rifugio Branca).


Accesso:

Da S. Caterina Valfurva si segue la stradina tortuosa ma asfaltata che dopo circa 6 km conduce all´ampio parcheggio sottostante l´Albergo Ghiacciaio dei Forni (o Rifugio dei Forni).


Descrizione della salita:

La seguente relazione e le immagini sono state elaborate in collaborazione con GABRIELE ATTANASIO, amico e socio del Gruppo vienormali che ha effettuato la salita di recente (2010)

Dal Rifugio dei Forni si segue la stradina sterrata e segnalata che traversa in piano verso E. Dopo aver superato il Torrente Cedèc la stradina sale con moderata pendenza fino a raggiungere alcuni tornanti, dove il percorso diventa più ripido. Poco oltre arriva al Rifugio Branca che è anche il capolinea degli automezzi fuoristrada autorizzati al transito (h 1,00 dal Rifugio dei Forni). Dal Rifugio Branca si scende al Laghetto di Ròsole, dal quale si prende una traccia pianeggiante che taglia la costa della morena e aggira sulla sinistra le grandi rocce montonate davanti al ghiacciaio, rimontandole in seguito. Poi la traccia piega a destra, passa davanti alla lingua del ghiacciaio e, usufruendo di 2 ponticelli che permettono di attraversare i torrenti glaciali presso la fronte, porta sull´altro lato della valle. Ora, volgendo verso S, si risalgono le rocce e le morene sulla sinistra idrografica e, più avanti, si sale sul ghiacciaio. Si prosegue poi con moderata pendenza verso S, a sinistra dell’ampia zona sgombera dal ghiaccio, nominata l’Isola Persa (q. 2742 m). Poco oltre il percorso diventa più ripido e si sale a destra di un recente affioramento roccioso, comunque sempre a sinistra del rilievo roccioso di (q. 3260 m); la copertura glaciale che separava quest’ultimo dalla citata Isola Persa, è scomparsa e attualmente sono uniti da un costone morenico. Al termine del tratto ripido si arriva sotto la fascia di seracchi che sostiene il plateau fra il Monte Giumella e il San Matteo. Si prosegue ora verso destra, sulla larga e lunga rampa ascendente che conduce poco a S della già citata (q. 3260 m). Il tratto che segue verso sinistra è abbastanza erto e conduce all’inizio del ripido pendio con alcuni crepacci trasversali che rappresenta il passaggio chiave dell’ascensione e che comunque non è troppo semplice da superare anche se innevato. Raggiunto il margine superiore di questo pendio, terminano le difficoltà e verso destra si segue l´ampia rampa nevosa, fino a raggiungere la croce di vetta. A stagione inoltrata anche l´ultimo tratto di rampa che porta in cresta potrebbe essere di ghiaccio vivo. (h 4,00 dal Rifugio Branca).


Discesa:

Come per la salita.


© VieNormali.it

Via Normale Punta San Matteo - dai Forni - In discesa, poco prima del pendio ripido Via Normale Punta San Matteo - dai Forni - In discesa sul passaggio chiave innevato Via Normale Punta San Matteo - dai Forni - A centro immagine la (q. 3260 m)
In discesa, poco prima del pendio ripido In discesa sul passaggio chiave innevato A centro immagine la (q. 3260 m)

N° voti: 0

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
5 scalatori sono stati su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...

Mappa su Google:




Libri suggeriti sulle Alpi Occidentali:


L'anima del Gran Zebrù  Ferrate in Lombardia e Svizzera   Scialpinismo tra Lombardia e Grigioni
Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...

Guide escursionistiche Guide escursionistiche consigliate:
           >> Arrampicare sportive e moderne in Valtellina, Valchiavenna, Engadina - Guido Lisignoli, Eraldo Meraldi, Andrea Pavan
           >> Solo granito - Mario Sertori e Guido Lisignoli

Revisione: relazione rivista e corretta il 16/08/2011 dalla redazione di VieNormali.it

  


Condividi su:  Share    




OFFERTE ATTREZZATURA E ACCESSORI OUTDOOR

Libri di montagna

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Primo Piano

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Carta Valsesia

Carta Valsesia

Carta Val Formazza

Carta Val Formazza

Scialpinismo in Dolomiti

Scialpinismo in Dolomiti

Scialpinismo nelle Alpi Giulie Occidentali

Scialpinismo nelle Alpi Giulie

Appennino di neve e di ghiaccio

Appennino di neve e di ghiaccio

Scialpinismo a Cortina d'Ampezzo

Scialpinismo a Cortina d'Ampezzo

Ghiaccio Salato

Ghiaccio Salato


Giardini di Cristallo


Scialpinismo in Tirolo


Ciaspolate

Neve libera

Neve libera

Ghiaccio d'Appennino

Ghiaccio d'Appennino

Ghiaccio svizzero

Ghiaccio svizzero

Family Experience in Friuli Venezia Giulia

Alpe Adria Trail

Family Experience in Friuli Venezia Giulia

Family Experience in Friuli Venezia Giulia

Walking Experience in Friuli Venezia Giulia

Walking Experience in Friuli Venezia Giulia


VieNormali consiglia

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer