Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Area Partner   VieNormali su Facebook   Google+ VieNormali   Canale You Tube VieNormali   RSS Feed VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 



Monte Resverde - 2374 m


Relazione della salita - Cima n° 1983


Via Normale Monte Resverde
Il Monte Resverde con l´itinerario di salita, visto dal Monte Vardega.
Regione: Lombardia (BresciaItaliane

Alpi e Gruppo: Alpi Orientali - Alpi Retiche - Gruppo Pietra Rossa

Provincia: Brescia

Punto di partenza: Spiazzo nei pressi del torrente in Val Varadega (q. 1950 m ca)

Versante di salita: N

Dislivello di salita: 425 m - Totale: 900 m

Tempo di salita: 1,30 h - Totale: 0,30 h

Periodo consigliato: da inizio giugno a fine novembre

Punti di appoggio: Rif. / Biv. Croce dell´Alpe (q. 2203 m)
Tipo di via: Via normale
Tipo di percorso: Traccia non segnata
Difficoltà:   EE - AR - I+ - F (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: no
Cartografia: INGENIA 1:25.000 Carta del P.N.S. foglio n°3 “Valcamonica, Passo Gavia e Val di Rezzalo”.
Autore: Gabriele Attanasio Profilo di Gabriele Attanasio - Altre salite dell'autore
Data della salita: 16/10/2009
Data pubblicazione: 03/08/2011
N° di visualizzazioni: 2849

Introduzione:

Il Resverde è l´ultima e la più bassa elevazione sulla lunga dorsale che dalla Valle del Gavia si estende verso Sud-Ovest sino al Passo del Mortirolo. La cima, piuttosto anonima vista la vicinanza con altre montagne molto più elevate ed appariscenti, risulta come una lunga e dentellata cresta disposta da Nord a Sud e delimitata rispettivamente dal Passo di Varadega e dal Passo del Mortirolo (quello originale). Il suo lato orientale chiude la destra orografica della Val Varadega, mentre quello occidentale si affaccia direttamente sulla Valtellina. La presenza di una grande croce posta sull´elevazione più meridionale (Piz de le Casuce), la vicinanza con il frequentato valico del Mortirolo (Passo della Foppa), la brevità degli itinerari e l´assenza di difficoltà nel raggiungerne le diverse piccole cime, fanno sì che il Resverde sia una montagna un pochino più frequentata rispetto alle altre della zona. – Dalla Valtellina (Mazzo o Grosio) o dalla Valcamonica (Monno), si prende la strada per il Mortirolo (Passo della Foppa). Poco oltre il Passo (per chi proviene dalla Valtellina), o poco prima (per chi proviene dalla Valcamonica), ad un centinaio di metri di distanza dall´Albergo Passo del Mortirolo, si imbocca la piccola stradina asfaltata (indicazioni per “Loc. Pianaccio – Malghe Varadega, Andrina, Salina, Bighera”) che si inoltra in Valle Varadega e successivamente in Valle di Grom conducendo alla Malga Salina Bassa. Dopo circa due chilometri, sulla sinistra si dirama una vecchia stradina militare (cartello con indicazioni “Passo Varadega”, “Monte Varadega”, “Croce dell´Alpe”). Subito dopo la strada piega a destra ed attraversa il torrente sul fondo della valle. Circa trenta metri dopo il torrente si trova, sulla destra, uno spiazzo erboso dove si lascia l´auto (m. 1950 ca.).


Accesso:

Dal parcheggio si ritorna presso la stradina militare incontrata in precedenza e si inizia a risalirla. Con percorso molto piacevole e con una pendenza mai eccessiva, la si segue lungamente. Immersi nell´incantevole scenario della Val Varadega, si superano dapprima le “Casere del Comune” ed il bivio per il Piz de le Casuce (grande croce visibile) e, più avanti, la deviazione per i Laghi Seroti (traccia e bolli bianco-rossi in direzione Nord-Est). Dopo un paio di tornanti molto ampi si trova, presso uno slargo erboso sulla sinistra, una stradina che conduce al Passo di Varadega e oltre. Ci si ferma proprio qui, all´incrocio tra questa e la mulattiera (m. 2280 ca. - ore 0¾ dalla macchina).


Descrizione della salita:

Si rimonta il dosso erboso che comincia proprio all´intersezione tra le due stradine fino a raggiungere la fascia di detriti un po´ più in alto. Da qui, rimanendo sul versante orientale della cresta si segue una flebile traccia che, con una lunga diagonale, conduce faticosamente poco sotto la sommità della prima elevazione della cresta. Sul filo della stessa, o sulla traccia leggermente al di sotto sul versante orientale, si superano agevolmente altre dentellature della dorsale e le rispettive sellette. Dopo un breve tratto a fianco del roccioso filo di cresta, si scende, tramite un appoggiato canale erboso, ad un´ampia insellatura sotto una più marcata ed incombente altura. Seguendo l´esile traccia, si costeggiano le pietre della cresta (attenzione) fin quasi a raggiungere la sommità del dirupo. Qualche metro prima di raggiungerla si esce a destra, evitando così l´ultimo tratto un po´ più difficile, e per un ripido pendio erboso si raggiunge la più alta elevazione del Monte Resverde (m. 2374 – ore 1¼ dalla macchina – grandioso panorama su Valcamonica, Valtellina e gruppi montuosi circostanti – segnato come “Monte Mortirolo” sulla carta della Ingenia). Si scende agevolmente sulla stretta dorsale erbosa che conduce panoramicamente su di un ampio pianoro, poco prima di una successiva cimetta arrotondata che, in breve si raggiunge (m. 2348 – sotto di noi ben visibile la croce sul Piz de le Casuce). Si scende ora per la ripida dorsale di erba e detriti fino ad incrociare, presso un forcellino, il sentiero che sale dalle Casere del Comune, che si segue facilmente fino ad arrivare sotto la grande croce del Piz de le Casuce (m. 2273 – ore 1½ dalla macchina – bel panorama).


Discesa:

Dalla croce, si percorre a ritroso il sentiero fino alla forcellina. Si continua poi a seguirlo in ripida discesa sul versante orientale (bolli rossi) e, in breve, passando per le Casere del Comune, si torna alla macchina (30 minuti).


Note:

Una piccola montagna secondaria, ma solitaria ed affascinante. Senz´altro più bello effettuare la salita in tarda stagione (fine settembre – inizio ottobre) quando le giornate sono più limpide ed i contrasti sono più accentuati. Breve e piacevole itinerario utilizzabile con tempo incerto o quando si ha solo mezza giornata libera. Prestare attenzione nella ripida salita alla cuspide più alta. Si consiglia di abbinarlo alla salita del Monte Varadega (vedere relazione “Monte Varadega – Via Normale ”), percorrendolo scendendo da quest´ultimo.


© VieNormali.it

Via Normale Monte Resverde - Il primo tratto della cresta. Via Normale Monte Resverde - Al cospetto della cima più alta. Via Normale Monte Resverde - Sulla cima più alta.
Il primo tratto della cresta. Al cospetto della cima più alta. Sulla cima più alta.

N° voti: 0

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
2 scalatori sono stati su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...

Mappa su Google:




Libri suggeriti sulle Alpi Orientali:


Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...

Guide escursionistiche Guide escursionistiche consigliate:
           >> Arrampicare sportive e moderne in Valtellina, Valchiavenna, Engadina - Guido Lisignoli, Eraldo Meraldi, Andrea Pavan
           >> Solo granito - Mario Sertori e Guido Lisignoli

Revisione: relazione rivista e corretta il 29/12/2016 dalla redazione di VieNormali.it

  


Condividi su:  Share    




OFFERTE ATTREZZATURA E ACCESSORI OUTDOOR

Libri di montagna

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer