Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Area Partner   VieNormali su Facebook   Google+ VieNormali   Canale You Tube VieNormali   RSS Feed VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 



Punta di Scais (via del canale centrale) - 3038 m


Relazione della salita - Cima n° 1716


Via Normale Punta di Scais (via del canale centrale)
La Punta di Scais
Regione: Lombardia (BergamoItaliane

Alpi e Gruppo: Prealpi - Prealpi Lombarde - Gruppo Alpi Orobie

Provincia: Bergamo

Punto di partenza: Valbondione (q. 935 m)

Versante di salita: E - S

Dislivello di salita: 1150 m - Totale: 2100 m

Tempo di salita: 4,00 h - Totale: 9,00 h

Periodo consigliato: fine primavera - inizio estate

Valle: Val Seriana - Altre cime della Val Seriana
Punti di appoggio: Rif. Coca (q. 1982 m ), Rif. Brunone (q. 2295 m)
Tipo di via: Via normale
Tipo di percorso: Senza traccia
Difficoltà:   EEA - A - III - PD+ (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: no
Cartografia: KOMPASS: Foppolo - Valle Seriana 1:50.000
Autore: Foto non presente Alessio Pezzotta - Altre salite dell'autore
Data della salita: 18/07/2004
Data pubblicazione: 31/10/2010
N° di visualizzazioni: 13208

Introduzione:

La Punta di Scais è una bella vetta turrita, di impegnativa salita da qualsiasi versante la si affronti. Seconda cima in altezza delle Alpi Orobie, posta in un ambiente selvaggio e suggestivo. La salita descritta, dal versante E lungo il cosiddetto Canalino Centrale, permette una divertente e non troppo impegnativa ascensione su ghiaccio di quasi 500 m. di dislivello (pendenza max 40/45°), quindi sbucati in cresta una divertente, ma impegnativa (per via della roccia friabile) cavalcata in cresta, superando il Torrione Curò e risalendo la pioda finale della Punta di Scais.


Accesso:

Dal paese di Valbondione si sale verso il Rifugio Coca (q. 1982 m), bel rifugio arroccato sopra una rupe, in ambiente selvaggio ma rallegrato da uno scrosciante torrente. Il sentiero sino al rifugio è ben segnalato dal segnavia CAI 301, quindi è inutile dilungarsi su questo tratto di percorso. A prescindere dalla lunghezza dell´accesso e dall´elevato dislivello, si consiglia il pernottamento al rifugio per poter risalire il canale nel primissimo mattino, e comunque godersi di più la salita senza l´assillo del tempo. Zona di facili nebbie già nella tarda mattinata. Salita al rifugio 2 h scarse.


Descrizione della salita:

Dal Rifugio Coca, sempre per evidente segnavia n. 323, si sale in circa mezz´ora al soprastante bel Laghetto di Coca, posto nella conca dei Giganti. Qui abitano le cime più alte delle Orobie: il Pizzo Coca 3052 m, il Pizzo Redorta 3037 m, lo Scais appunto, il Pizzo Porola 2981 m e il Dente di Coca con le Cime d´Arigna 2925 m. Si sale verso l´evidente conca pietrosa sottostante il Passo di Coca (N), senza però raggiungerlo. Intorno ai 2350 m, una buona mezz´ora dopo il lago, si noterà sulla sinistra un canale inciso, innevato sino a tarda stagione; è l´ultimo canale prima della ripida salita che porta al Passo di Coca. Si entra quindi nel canale e lo si risale in circa 2 ore scarse, senza particolari difficoltà, solo l´uscita è un po´ ripida (45°). Se il canale avesse dei punti scoperti dalla neve, allora è più problematico, perchè la roccia sicuramente sarà bagnata, quindi bisogna prestare attenzione al periodo e alle condizioni. Sbucati in cresta, ad un intaglio tra la cosiddetta Fetta di Polenta 2997 m e il Torrione Curò 3005 m, si procede in direzione di quest´ultimo (N). Superata una gobbetta rocciosa della cresta, si giunge al cospetto del Torrione. Il Torrione Curò è un aguzzo dente di roccia un pò malsana, con difficoltà mediamente intorno al III, senza via obbligata: serve un pò di intuito e logica. Sulla sommità del Torrione, bisogna allestire una breve doppia di una ventina di metri. La fettuccia di calata si trova qualche metro sotto, scendendo verso N (attenzione). Dopo la calata si sbuca all´intaglio dove sale la via normale da W, cioè dal Rifugio Brunone, il Camino Baroni (possibilità di percorrerla al ritorno). Da qui si risale ad una piccola conca pietrosa un pò tetra, e risalendo un macigno nerastro si arriva all´attacco della cosiddetta Liscia Piodessa che la guida Antonio Baroni superò dovendosi togliere gli scarponi (anno 1897). La salita della piodessa, seguendo lo spigolo, presenta difficoltà di III + (certe guide dicono IV): dopo una ventina di metri si sbuca su un terrazzino con fettuccia per la calata in doppia. Chi non se la sentisse di affrontare la piodessa direttamente, può aggirarla sulla sinistra per percorso un pò più facile (massimo III) ma meno evidente e più friabile. Proseguendo la salita, le difficoltà calano (II) e in breve si tocca la vetta con piccola croce in ferro. Ambiente abbastanza selvaggio e suggestivo.


Discesa:

Come per la salita, effettuando una doppia per scendere la piodessa (fettuccia in loco). Oppure, una volta al sopracitato sbocco del camino Baroni, con un´altra doppia (anello in loco), abbassarsi alla base del canaletto roccioso sino al ghaione sottostante. La salita da questo versante è possibile anche dalla Valtellina via Rifugio Mambretti e un bellissimo e lungo canalone nevoso. Comunque per noi, che siamo saliti da Valbondione (BG), una volta abbassatici lungo il ripido ghiaione sino all´inizio del ghiacciaio (Vedretta di Scais), non resta che risalirne un ripido tratto e quando questo ritorna quasi piano traversarlo in diagonale verso destra uscendo in un vallone pietroso dove un sentiero ci conduce in un´oretta scarsa al Rifugio Brunone (q. 2295 m). Dal Brunone, per tornare in Val di Coca, al laghetto e quindi al rifugio omonimo, c´è un bel sentiero, tratto classico del Sentiero delle Orobie (che collega appunto i due rifugi), divertente, con qualche tratto attrezzato e qualche nevaio, comunque non bisognoso di una relazione particolare visto che si snoda su sentiero CAI segnalato. Unico neo: percorso un pò lunghino che necessita di un discreto allenamento.


Note:

Salita bella e di soddisfazione su terreno misto, in ambiente che nonostante la non altissima quota, ricorda l´alta montagna.


© VieNormali.it

Via Normale Punta di Scais (via del canale centrale) - Nel canale Via Normale Punta di Scais (via del canale centrale) - Il Torrione Curò Via Normale Punta di Scais (via del canale centrale) - La Liscia Piodessa
Nel canale Il Torrione Curò La Liscia Piodessa

N° voti: 1 - Voto medio: Voto 4 stelle

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
6 scalatori sono stati su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...

Mappa su Google:




Libri suggeriti sulle Prealpi:


Prealpi Lombarde Centrali  Prealpi Lombarde Occidentali  Prealpi Bresciane  Ferrate in Lombardia e Svizzera   Nel giardino di pietra  Corni di Canzo e Moregallo  Scialpinismo tra Lombardia e Grigioni  Ghiaccio delle Orobie
Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...

Guide escursionistiche Guide escursionistiche consigliate:
           >> Ghiaccio Orobico - Michele Cisana
           >> Arrampicate sportive e moderne fra Lecco e Como - Eugenio Pesci
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 1 - Alessio Pezzotta
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 2
           >> Alpi Orobie Over 2000 - Vol. 3
           >> Prealpi Lombarde Centrali

Revisione: relazione rivista e corretta il 25/11/2014 dalla redazione di VieNormali.it

  


Condividi su:  Share    




OFFERTE ATTREZZATURA E ACCESSORI OUTDOOR

Libri di montagna

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer