Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Area Partner   VieNormali su Facebook   Google+ VieNormali   Canale You Tube VieNormali   RSS Feed VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 



Aiguille du Dome - 3017 m


Relazione della salita - Cima n° 1624


Via Normale Aiguille du Dome
Petit Dome e l'ardita guglia Aiguille du Dome
Regione: Estero (EsteroFrancesi

Alpi e Gruppo: Alpi Occidentali - Alpi Estere Francesi - Gruppo Gran Sassiere

Provincia: Estero

Punto di partenza: Le Saut (q.2300 m) - Val ’Isère

Versante di salita: W e vari

Dislivello di salita: 1303 m - Totale: 2606 m

Tempo di salita: 7,30 h - Totale: 12,00 h

Periodo consigliato: estate

Valle: Val Isère - Altre cime della Val Isère
Punti di appoggio: Le Saut (q.2300 m)
Tipo di via: Via di roccia
Tipo di percorso: Via di roccia
Difficoltà:   EEA - AR - IV - D- (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: no
Cartografia: Massif e Parc National de la Vanoise n. 11 Institut Geographique National Didier Richard 1 :50000
Autore: Lodovico Marchisio Profilo di Lodovico Marchisio - Altre salite dell'autore
Data della salita: 16/09/2006
Data pubblicazione: 30/08/2010
N° di visualizzazioni: 3589

Introduzione:

Invitiamo i lettori ad immergersi in questa vera e propria avventura per riscoprire una guglia oltre i 3000 metri di cui da 23 anni non si hanno notizie di salite. Le Guide Francesi della Val d’Isère e le Guide Alpine Italiane contattate dicono di non aver mai condotto clienti su questa cima sconosciuta, le guide cartacee francesi, che non hanno come noi collane per tutte le loro zone alpine, ma solo libri di mete scelte, non ne parlano proprio. Solo due nostre vecchie guide cartacee descrivono sommariamente quest’ambiziosa cima: La Collana della Guida dei Monti d’Italia edita dal CAI e TOURING associati, nel volume delle Alpi Graie Centrali del 1985, curato da Alessandro Giorgetta ne dà una sommaria descrizione a pag. 110, purtroppo non più rispondente alla realtà attuale. Il compianto Silvio Saglio nella Collana Da Rifugio a Rifugio edito dal TCI e CAI, sempre unificati in queste guide, nel lontano 1952 a pag. 709 attribuisce il nome di Dôme de La Val d’Isère (invece dell’attuale toponimo Petit Dôme) all’Aiguille du Dôme, non comprendendo allora che sono due cime ben distinte fra loro, anche se già allora aveva individuato il passaggio più logico dal colletto chiamato Passage du Dôme (o Sous Picheru) con partenza da Le Saut (2300 m circa) sopra la Val d’Isère, invece che da Le Fornet (1900 m circa), come la successiva guida del 1985 consigliava. Dare una descrizione solo tecnica di una simile impresa questa volta ci pare riduttivo, anche se nell’itinerario di salita è giusto dare un resoconto della complicata ascensione per coloro che volessero cimentarsi su di essa e coprire il buco nero in questione con la descrizione di questa via dimenticata e far rivivere ai lettori l’epica era dei pionieri dell’alpinismo.


Accesso:

Torino, Susa, Colle Moncenisio, Lanslevillard, Colle Iseran, Val D’Isère, strada a destra dopo le gallerie per Le Saut (Barrage)


Descrizione della salita:

Dal parcheggio di Le Saut senza salire al bellissimo lago de La Sassière prendere un sentiero sulla sinistra idrografica che sale oltre il lago fino ad una deviazione. Salire a destra verso il colletto del Sous Picheru (o Passage de Picheru) a quota 2754 m (2 h dalla partenza). Da qui l’Aiguille du Dôme sembra davvero il Cerro Torre Patagonico, anche se i francesi usano questo toponimo per la più conosciuta Aiguille Dibona, situata nel massiccio des Écrins, motivo per cui non si capisce questo totale abbandono per una montagna così bella, particolare, imponente ed importante. Raggiunto il Colletto, si scende sul lato opposto fiancheggiando in maniera molto disagevole la lunga pietraia sino alla base del canalone che sale ripido e faticosissimo sino al Col du Front (2918 m - 2 h dal Passage de Picheru, 4 h dal parcheggio). In alcuni punti il canale senza tracce è talmente ripido che si creano delle vere e proprie slavine di terriccio che sotterrano i piedi dei tre scalatori. Dal Colle un’esile traccia vecchissima conduce sulla cresta che s’impenna a metà obbligando i salitori a legarsi in cordata per superare un piccolo rigonfiamento strapiombante ed obbligato valutato di IV grado. In seguito la cresta si fa divertente e addirittura non è staccata come appariva, da un salto roccioso che si pensava potesse creare problemi ai tre scalatori. Da qui senza ulteriori intoppi si arriva in vetta al Petit Dôme (3012 m) confuso o ignorato anche dalla cartografia attuale, mentre è una vetta ben distinta in quanto dal lato opposto un profondissimo intaglio, scoraggia per un momento i tre scalatori. (30 min.dal Col du Front, 4,30 h dalla partenza). Poi s’inizia ad esplorare il profondo intaglio scendendo assicurati (passi di II grado su roccia marcia e terriccio) per più di 100 metri. Senza toccare il fondo del canale, con ottima intuizione, gli scalatori si portano su un ponte naturale di rocce sotto la parete finale dell’Aiguille du Dôme. Per scalare gli ostici 30 metri che li separano da un terreno più abbordabile, ma non visibile dal basso, ed evitare le scarpette per dare un taglio alpinistico vecchia maniera a questa singolare impresa, i tre ardimentosi usano i loro chiodi e la pratica acquisita negli anni. Si trovano così a superare un passaggio di V grado ove trovano l’unico chiodo del 1920 (conio impresso) incontrato in tutta la giornata. Sopra di esso tutto è più facile e su un terreno sempre franoso, esile e delicato i tre alpinisti arrivano sotto la cuspide finale. Qui gli alpinisti salgono direttamente la parete di 30 metri che li divide dalla cima con qualche passaggio di IV grado e un caratteristico passaggio sopra una profonda fenditura, mentre la discesa la si compie più facilmente aggirando i salti sulla destra (verso di salita) in prossimità del vuoto più assoluto del monolito. La vetta è stata raggiunta in 7,30 h dalla partenza e in 3 h dal Col du Front, dove sono stati lasciati gli zaini. Viene costruito sul momento un grande ometto per suggellare l’impresa compiuta, come se mai piede umano avesse varcato prima questa misteriosa quanto affascinante cima, invece violata dal prestigioso W.A.B. Coolidge con altre guide il 10 agosto del 1891.


Discesa:

Calata con corde doppie da 50 m. La calata è tutta un poema. Non esistendo chiodi in vetta gli alpinisti hanno lasciato due cordini, due fettucce, due chiodi, un moschettone a ghiera viola e un moschettone normale nei punti di calata e nei passaggi chiave. Con una corda doppia di 50 metri fanno poi ritorno all’intaglio, risalgono l’erto e franoso canale che li riporta in vetta al Petit Dôme, ritornando per la stessa via della salita all’auto. Dalla vetta hanno impiegato altre 4,30 h, che sommate a quelle della salita portano l’impresa ad un totale di 12 ore ininterrotte di percorso. Mi auguro davvero che questa salita abbia il riscontro che merita negli ambienti preposti, perché tutto fa notizia meno ciò che davvero meriterebbe di farla.


Note:

Roccia non molto stabile, vecchia e da tempo non percorsa (molti micascisti) Stupenda la forma. Sembra l’Aiguille Dibona (roccia splendida) che i Francesi chiamano il Cerro Torre della Alpi Francesi.


© VieNormali.it

Via Normale Aiguille du Dome - Salita lungo il diedro Via Normale Aiguille du Dome - Edorado Bianca cerca di capire come scendere dalla prima vetta
Salita lungo il diedro Edorado Bianca cerca di capire come scendere dalla prima vetta

N° voti: 0

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
1 scalatore è stato su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...

Mappa su Google:




Libri suggeriti sulle Alpi Occidentali:


Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...


  


Condividi su:  Share    




OFFERTE ATTREZZATURA E ACCESSORI OUTDOOR

Libri di montagna

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Primo Piano

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Carta Valsesia

Carta Valsesia

Carta Val Formazza

Carta Val Formazza

Scialpinismo in Dolomiti

Scialpinismo in Dolomiti

Scialpinismo nelle Alpi Giulie Occidentali

Scialpinismo nelle Alpi Giulie

Appennino di neve e di ghiaccio

Appennino di neve e di ghiaccio

Scialpinismo a Cortina d'Ampezzo

Scialpinismo a Cortina d'Ampezzo

Ghiaccio Salato

Ghiaccio Salato


Giardini di Cristallo


Scialpinismo in Tirolo


Ciaspolate

Neve libera

Neve libera

Ghiaccio d'Appennino

Ghiaccio d'Appennino

Ghiaccio svizzero

Ghiaccio svizzero

Family Experience in Friuli Venezia Giulia

Alpe Adria Trail

Family Experience in Friuli Venezia Giulia

Family Experience in Friuli Venezia Giulia

Walking Experience in Friuli Venezia Giulia

Walking Experience in Friuli Venezia Giulia


VieNormali consiglia

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer