Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Area Partner   VieNormali su Facebook   Google+ VieNormali   Canale You Tube VieNormali   RSS Feed VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 



Cima Tosa - Via Normale per il Versante SE - 3173 m


Relazione della salita - Cima n° 1591


Via Normale Cima Tosa - Via Normale per il Versante SE
La Cima Tosa, con la Vedretta Inferiore e Superiore, vista da poco sopra il Rif. Pedrotti
Regione: Trentino Alto Adige (TrentoItaliane

Alpi e Gruppo: Alpi Orientali - Alpi Retiche - Gruppo Brenta

Provincia: Trento

Punto di partenza: Parcheggio del Rif. Vallesinella (q. 1513 m)

Versante di salita: SE

Dislivello di salita: 1660 m - Totale: 3500 m

Tempo di salita: 6,30 h - Totale: 12,00 h

Periodo consigliato: metà giugno - fine settembre

Punti di appoggio: Rif. Pedrotti (q. 2487 m) o Rif.Tosa (q. 2439 m)
Tipo di via: Via normale
Tipo di percorso: Traccia e roccette, passaggi su roccia
Difficoltà:   EEA - AR - II+ - PD (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: si
Cartografia: KOMPASS N. 688 - Gruppo di Brenta - 1:25.000
Autore: Gabriele Attanasio Profilo di Gabriele Attanasio - Altre salite dell'autore
Data della salita: 25/07/2010
Data pubblicazione: 10/08/2010
N° di visualizzazioni: 24830

Introduzione:

La Cima Tosa, con i suoi 3173 m, è la massima elevazione del magico e meraviglioso gruppo calcareo delle Dolomiti di Brenta, incastonato come per incantesimo tra i graniti del gruppo dell´Adamello, le rocce metamorfiche del settore meridionale del gruppo Ortles-Cevedale ed il profondo solco della Valle dell´Adige. Essa è collocata nella parte centrale del Gruppo di Brenta e si presenta come un possente massiccio roccioso con alte ed impervie pareti su tutti i versanti, al quale si accorpa a N il magnifico e maestoso Crozzon di Brenta. Solo sul versante SE, dove le pareti risultano più basse, la Tosa sembra mostrare un´evidente punto debole. La caratteristica calotta glaciale sulla sua sommità, oggi molto ridimensionata, contribuisce ad aumentare notevolmente il fascino di questa già di per sé bellissima cima.


Accesso:

Dal parcheggio del rifugio Vallesinella (raggiungibile da Madonna di Campiglio tramite strada comunale a pedaggio) si oltrepassa una tettoia di legno e si imbocca il sentiero n. 317 che, oltrepassato un ponticello sul torrente, conduce con ripide svolte al Rifugio Casinei (m. 1850 - 45 min. dal parcheggio).
Si prosegue sul sentiero n. 318 (Sentiero Bogani) che, con bellissimo percorso prima in un rado bosco di Larice ed Abete rosso, poi attraverso Mughi, successivamente oltre il limite della vegetazione arborea, su pascoli, macereti, panoramiche cenge ed infine una galleria, sale al celebre Rifugio Maria e alberto ai Brentei (m. 2175 - ore 1,30 dal Casinei, ore 2,15 dalla macchina).
Si continua sempre sul bel sentiero n. 318 che risalendo tutta la Val Brenta Alta, supera una fascia rocciosa con l´ausilio di qualche corda metallica e, con ultimi metri su nevaio, porta al bellissimo e stretto intaglio della Bocca di Brenta (m. 2552 - ore 1,30 dal Brentei, ore 3,45 dalla macchina).
Da qui, percorrendo una bellissima ed ampia cengia, in 10 minuti si scende al Rifugio Pedrotti (m. 2487 - ore 4 dal parcheggio - raggiungibile anche da Molveno in ore 4,30 passando per la Val delle Seghe, il Rifugio Selvata ed il Rifugio Tosa), dove si consiglia di pernottare.
Dal rifugio si prende il Sentiero Attrezzato Livio Brentari (segnavia n. 358) che aggira la Brenta Bassa, costeggia la Cima Margherita ed attraversa il circo della Vedretta Inferiore della Tosa per risalire quello della Vedretta Superiore. Nella parte alta della conca glaciale, il sentiero si avvicina sensibilmente alle pareti della Tosa, risale un breve ma ripido canalino di neve e sfasciumi e piega a sinistra puntando la Sella della Tosa. Si risalgono invece, appena superato il canalino, i gradoni dello sperone roccioso sulla destra (passaggi di I° grado) pervenendo in breve all´attacco della via normale alla Cima Tosa, posto proprio dove la parete sovrastante si presenta più bassa (ore 1 dal Rifugio Pedrotti).


Descrizione della salita:

La parete di 25 metri da risalire è caratterizzata dalla presenza di 2 camini paralleli spesso bagnati. Ci si lega e si arrampica per quello di sinistra, sensibilmente più facile, tenendosi su uno speroncino subito a destra del fondo (8 m, II, targa nera e fittone per sicura e discesa in doppia presenti alla base del camino). Proseguendo su detto speroncino si perviene successivamente al punto chiave della salita, un gradone con scarsi e logori appoggi che si supera con fatica e facendo in modo di non sbilanciarsi all´infuori (2 m, II+).
Si prosegue sempre sul lato destro del camino con bella ed esposta arrampicata su roccia salda ma usurata (6 m, II+, chiodo per sicura). Quando le difficoltà aumentano, ci si sposta in diagonale a destra in aperta parete puntando ad un terrazzino che si raggiunge senza particolari difficoltà (8 m, II, - fittone per sicura e discesa in doppia). Con qualche ulteriore passo di arrampicata si perviene ad una cengia che, verso destra, conduce nella conca soprastante la parete (2 m, II).
Ora con divertenti passi su rocce elementari, seguendo i numerosi ometti, si rimontano i gradoni dell´anfiteatro e ci si dirige dapprima verso sinistra sotto una parete giallastra con striature nere (100 m, I), poi, dopo aver affrontato una paretina (4 m, II-), si punta con una lunga diagonale, su gradoni coperti di ghiaia intervallati da nevai, verso il pendio di neve (detritico a stagione avanzata) posto in alto a destra, dove il passaggio alla parte superiore risulta più agevole (150 m, I e tracce). Si sale così sulla caratteristica calotta ghiacciata della Cima Tosa, ormai visibile a chiazze e con facile e panoramicissimo percorso su neve e detriti, passando davanti all´uscita del ripidissimo Canalone Neri, si raggiunge il punto più alto (m. 3173, ore 2,30 / 3 dal Pedrotti).


Discesa:

Come per la salita, 1 calata in doppia di 25 metri dal fittone superiore.


Note:

Utili un paio di cordini per sicura su spuntoni, un paio di rinvii e, se bagnato, un dado ed un paio di friends come ulteriore sicurezza. Picca e ramponi utili, se non indispensabili, ad inizio stagione. Si consiglia di partire molto presto (5:00) per godersi la salita in solitudine, ammirare dalla cima le prime luci della giornata ed evitare intasamenti di cordate sul tratto di arrampicata. Il camino è evitabile passando per la parete giallo-nera sulla destra (20 m, III+ / IV-). E’ presente in loco su un piccolo pianerottolo, dopo una quindicina di metri, una sosta con cordini, fettucce e moschettone attrezzata su chiodi (da verificare). L´enorme calotta sommitale della Cima Tosa è qualcosa di stupendo ed impensabile. Purtroppo, nel giro di qualche anno, il ghiaccio è destinato a scomparire per lasciar posto ai detriti. Il panorama è magnifico sia sulle cime circostanti che su quelle in lontananza. Dalla cima bellissimo il colpo d´occhio sulla mastodontica mole del Crozzon di Brenta che, con vertiginosi abissi su ogni lato, appare quasi come un grattacielo. Altri punti di appoggio: Rif.Agostini (q. 2405 m), Rif.Brentei (q. 2175 m), Rif.XII Apostoli (q. 2487 m).


© VieNormali.it

Via Normale Cima Tosa - Via Normale per il Versante SE - Salendo all´alba nella conca della Vedretta Superiore, quasi all´attacco della via Via Normale Cima Tosa - Via Normale per il Versante SE - Il mastodontico Crozzon di Brenta dalla calotta sommitale Via Normale Cima Tosa - Via Normale per il Versante SE - Sulla calotta sommitale
Salendo all´alba nella conca della Vedretta Superiore, quasi all´attacco della via Il mastodontico Crozzon di Brenta dalla calotta sommitale Sulla calotta sommitale

N° voti: 4 - Voto medio: Voto 5 stelle

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
31 scalatori sono stati su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...

Mappa su Google:




Libri suggeriti sulle Alpi Orientali:


Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...

Guide escursionistiche Guide escursionistiche consigliate:
           >> Arrampicare sportive e moderne in Valtellina, Valchiavenna, Engadina - Guido Lisignoli, Eraldo Meraldi, Andrea Pavan
           >> Solo granito - Mario Sertori e Guido Lisignoli

Revisione: relazione rivista e corretta il 05/10/2011 dalla redazione di VieNormali.it

  


Condividi su:  Share    




OFFERTE ATTREZZATURA E ACCESSORI OUTDOOR

Libri di montagna

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer