Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Area Partner   VieNormali su Facebook   Google+ VieNormali   Canale You Tube VieNormali   RSS Feed VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 



Monte Tovo - Ferrata Staich - 2230 m


Relazione della salita - Cima n° 1507


Via Normale Monte Tovo - Ferrata Staich
Monte Tovo, Ferrata Nito Staich
Regione: Piemonte (BiellaItaliane

Alpi e Gruppo: Alpi Occidentali - Alpi Pennine - Gruppo Prealpi Biellesi

Provincia: Biella

Punto di partenza: Delubro (q. 1250 m), Oropa

Versante di salita: S

Dislivello di salita: 1000 m - Totale: 2000 m

Tempo di salita: 3,30 h - Totale: 5,15 h

Periodo consigliato: primavera - autunno

Punti di appoggio: nessuno
Tipo di via: Via ferrata
Tipo di percorso: Via ferrata
Difficoltà:   EEA - AR - IV+ - AD+ (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: si
Cartografia: IGC N. 9 Biella- Ivrea-Bassa Valle d´ Aosta
Autore: Oliviero Bellinzani Profilo di Oliviero Bellinzani - Altre salite dell'autore
Data della salita: 05/07/2009
Data pubblicazione: 16/04/2010
N° di visualizzazioni: 3742

Introduzione:

Nella panoramica dei monti intorno ad Oropa, il Monte Tovo si distingue, sulla destra (E), per la forma ardita caratterizzata da una lunga cresta S, che verso il basso precipita in pareti e spigoli rocciosi che contrastano nettamente con l´ erbosa parte superiore. Da un´ idea della guide Tike Saab, promossa dalla Provincia di Biella ed intitolata all´ Alpinista biellese Nito Staich, proprio su tali speroni e pareti è stata aperta una Via Ferrata ottimamente attrezzata, che ne percorre i vari risalti terminando sulle pendici erbose sovrastanti.


Accesso:

Da Biella, uscita Carisio Autostrada A8 Milano- Torino, si raggiunge Oropa. Superato il Santuario, si arriva nel grande piazzale della funivia, da dove si segue sulla destra la strada per la galleria Rosazza. Dopo alcuni tornanti sulla sinistra si scorge il Delubro, imitazione di antico monumento costruito a fine ottocento. Parcheggiare bordo strada o nel piccolo spiazzo.


Descrizione della salita:

Dal Delubro, si segue la carrareccia, Strada delle Pisse, che risale la valle diretta al Rifugio Rosazza, ignorando il sentiero D14 per il Monte Tovo che si incontra poco dopo sulla destra. Dopo circa una ventina di minuti, si arriva ad una pietraia, in prossimità di una piccola cappella e, abbandonata la pista, la si risale (ometti e targhette sui massi) sino ad entrare nel bosco, quindi su malagevole traccia si giunge alla base di una parete alla cui sinistra è posto l´ attacco (cartello indicatore). La via parte subito verticale, piuttosto dura, superando un muro con l´ ausilio di numerosi pioli, quindi in traverso e di nuovo su placche interrotte da strisce erbose con magnifico colpo d´ occhio sul Santuario di Oropa. Superato un ultimo tratto verticale, si arriva ad un traliccio dismesso, se ne risale la faccia interna per poi traversare alla fronteggiante parete su uno spettacolare ma breve pont des singes. Una volta dall´ altra parte, si traversa a destra ad un ripiano erboso, proseguendo su una traccia per una decina di metri fino ai piedi di un imponente diedro granitico. Se ne sale la parete sinistra, affrontandola direttamente per uscire su una cengia, da cui, superata una serie di paretine e piccoli traversi si arriva su un pendio sotto i cavi della funivia, in piena vista dei turisti che salgono ad Oropa Sport. Quindi un salto di roccia verticale ed una placca liscia ma appoggiata conducono ai piedi di una piccola torre staccata. La si risale per poi attraversare su un secondo pont des singes il canale che la separa dalla parete principale, dopodichè si rimonta la parete stessa uscendo su un esposto traverso che porta alla parte finale e più impegnativa della ferrata. Si salgono una serie di placche, sempre ottimamente attrezzate con pioli infissi nella roccia, fino a giungere sotto un evidente tetto. Con passo atletico lo si supera sulla sinistra (tratto chiave), quindi su terreno più facile si esce sul pianoro che segna il termine della ferrata. Se non si desidera proseguire sino alla vetta del Monte Tovo, si segue sulla sinistra una traccia bollata che riconduce alla Strada delle Pisse. Continuando, invece, si costeggia a sinistra un acrocoro roccioso, risalendo la cresta S per pendii erbosi abbastanza ripidi ma sostanzialmente mai difficili su tracce discontinue, sino ad immettersi intorno a quota 1900 m. sul sentiero D14 proveniente da destra, lungo il quale si raggiunge la grande croce di vetta.


Discesa:

Dalla vetta vi sono più possibilità di discesa. Lungo il sentiero D32 con stretti zig-zag si discende alla Bocchetta di Finestra (2040), quindi mantenendosi in prossimità del solco vallivo si arriva all´ Alpe Trotta (1810), dove si incrocia il sentiero D32a che a mezzacosta porta alla stazione di arrivo della funivia di Oropa Sport e al Rifugio Rosazza. Proseguendo, invece, sul D32, si raggiunge un bivio a quota 1680 ca dove ci si tiene a sinistra imboccando l´ ampia mulattiera che dopo alcuni tornanti passa per l´ Alpe Pisse (1440), ridotta ormai a poveri ruderi che a mala pena si intravedono nella vegetazione, e incrociata la cappella votiva ai piedi della pietraia che porta all´ attacco della ferrata, si torna al Delubro. L´ itinerario seguito dall´ autore, invece, ripercorre la cresta S lungo il sentiero D14 (incrociato poco dopo la partenza), per poi tagliare a sinistra a quota 1900 ca e discendere un lungo e ripido pendio che porta al Giass Cmun (1535), ove occorre prestare attenzione in quanto la traccia si perde nei pascoli incolti. Stando alti, non seguire i segnali che si abbassano per poi scomparire, si attraversano i prati verso destra sino ad una profonda forra, che si tiene a sinistra, ritrovando bolli e una buona traccia che una volta nel faggeto diviene ampio sentiero, che termina sulla Strada delle Pisse a breve distanza dal Delubro.


Note:

Ferrata relativamente breve (160metri di dislivello e 300 di sviluppo), la Nito Staich risulta mediamente difficile per i numerosi infissi che facilitano il superamento di pareti e salti che altrimenti comporterebbero un impegno ben maggiore, e nel complesso la si può definire bella ed estetica. Limitandosi alla sola ferrata, essendo a S ed a una quota relativamente modesta, può essere percorsa tutto l´ anno salvo forte innevamento.


© VieNormali.it

Via Normale Monte Tovo - Ferrata Staich - Attacco Via Normale Monte Tovo - Ferrata Staich - Primo pont des singes Via Normale Monte Tovo - Ferrata Staich - Uscita
Attacco Primo pont des singes Uscita

N° voti: 1 - Voto medio: Voto 3 stelle

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
5 scalatori sono stati su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...

Mappa su Google:




Libri suggeriti sulle Alpi Occidentali:


A piedi in Alta Val Chisone  A piedi in Alta Valle Susa  Cento salite in Alta Val Susa e Val Sangone  Montagne di Valsusa  Sentieri in Ossola e Valsesia  Trekking sulle Alpi di Torino  A piedi in Piemonte - Vol. 1  A piedi in Piemonte - Vol. 2
Alta Valsesia  Val Bognanco  Val Divedro  Val Formazza  Val Formazza  Valle Antrona  Valle Anzasca Est  Valle Anzasca Ovest
Valsesia Nord Est  Valsesia Nord Ovest  Valsesia Sud Est  Valsesia Sud Ovest  Alpe Devero  Monte Rosa  Val Formazza  Valsesia 
Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...


  


Condividi su:  Share    




OFFERTE ATTREZZATURA E ACCESSORI OUTDOOR

Libri di montagna

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer