Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Area Partner   VieNormali su Facebook   Google+ VieNormali   Canale You Tube VieNormali   RSS Feed VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 



Croda da Lago - 2701 m


Relazione della salita - Cima n° 1318


Via Normale Croda da Lago
Vista delle via dalla cengia basale
Regione: Veneto (BellunoItaliane

Alpi e Gruppo: Dolomiti - Alpi Dolomitiche - Gruppo Tofane

Provincia: Belluno

Punto di partenza: Ponte Rocurto (q. 1709 m)

Versante di salita: E

Dislivello di salita: 1000 m - Totale: 2000 m

Tempo di salita: 9,00 h - Totale: 13,00 h

Periodo consigliato: estate

Valle: Valle Ampezzo - Altre cime della Valle Ampezzo
Punti di appoggio: Rif. Palmieri (q. 2045 m)
Tipo di via: Via di roccia
Tipo di percorso: Via di roccia
Difficoltà:   EE - AR - V- - D (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: no
Cartografia: TABACCO N. 03 - Cortina d’Ampezzo 1:25000
Autore: Fabrizio Anconitano Profilo di Fabrizio Anconitano - Altre salite dell'autore
Data della salita: 06/08/2009
Data pubblicazione: 23/12/2009
N° di visualizzazioni: 8292

Introduzione:

La Croda da Lago è un massiccio montuoso della catena delle Dolomiti ampezzane, la cui vetta più alta si erge per 2709 m. Il nome si riferisce al laghetto di Federa che sorge ai piedi del versante est. La via di salita è molto interessante e si svolge in ambiente bellissimo e poco frequentato, probabilmente a causa del lungo avvicinamento che porta all’attacco della via di salita (ore 3,30 dal ponte Rocurto). La via di salita in arrampicata supera i 250 m di dislivello che separano la cengia basale dalla vetta. Lo sviluppo della via è di 320 m. La roccia è buona fino alla forcella Eotvos mentre è discreta nel tratto che porta dalla forcella alla vetta. Le difficoltà sono generalmente intorno al 3° con qualche passaggio di 4°. Il tiro chiave della via supera un tratto di 5°-. Da non prendere in considerazione per la salita la guida Berti che valuta questa via di 2°.


Accesso:

Da Cortina prendere la sp 638 per il passo Giau fino al piccolo parcheggio del ponte di Rocurto (1709 m). Per i sentieri CAI 437-434 si sale al rifugio Palmieri (2045 m), ore 2. Dal rifugio Palmieri si traversa l’emissario del lago e si costeggia lo stesso fin dopo un grande masso che a volte forma un’isoletta sul lago. Circa 50 m dopo si prende a sinistra, risalendo su tracce di sentiero per ghiaie prima e per erba e mughi poi fin sotto l’imbocco di un canale franoso che incide verso sud lo zoccolo della Croda da Lago. Si risale il canale per ghiaie e roccette fino ad una specie di forcelletta. Da qui salire verso sinistra per un canale-camino terroso (2° delicato), sopra il quale si riprende il sentiero. Questo verso destra supera una costa di mughi congiungendosi con un’altra traccia che sale sempre dal canalone ma con percorso in salita ancor più delicato (in discesa, invece è consigliabile un calata in corda doppia da un anello ancorato ad un grosso mugo). Si prosegue lungo la traccia per ghiaie ed erba, e poi per roccette, mirando verso la base delle rocce delle torri del gruppo della Croda da Lago. Il sentierino conduce sotto due torri divise da una forcella. Conviene passare, risalendo il canalone ghiaioso, fra la torre più acuminata e le pareti principali del gruppo (qualche salto di roccia di 1° e 2°), portandosi successivamente sulla forcelletta che divide le due torri stesse (si può salire anche direttamente per il canalone fra le due torri; consigliabile in discesa). Si continua a seguire il sentierino che risale un altro ripido canalone di scolo fra un grande gendarme e la Torre Buzzati. Oltre lo sbocco del canalone, le tracce conducono ancora in salita più leggera per erba e ghiaia raggiungendo la larga cengia basale della Croda da Lago. Percorrere la cengia fino all’evidente canale che scende dalla forcella Eotvos che separa la Croda da Lago dal Campanile Innerkofler. Ore 1,30 dal rifugio.


Descrizione della salita:

Affrontare il lato sinistro del canale fino ad un largo terrazzo (25 m 3°). Superare la parete nera sulla parte sinistra del terrazzo affrontando il passaggio chiave della via di salita (40 m 5°-). Questo tiro può essere evitato salendo la parte destra del terrazzo per 35 m (4° sosta da fare) e traversando poi verso sinistra (3° roccia instabile, possibilità di proteggersi su spuntoni) fino a ricongiungersi con l’inizio del 3° tiro. Il quarto e il quinto tiro proseguono nel canale in direzione forcella Eotvos fino ad una grotta che troviamo sulla destra (70m 2°/3°). Il sesto tiro prosegue per 35m fino all’inizio di un dietro (3°/4°). Superare il dietro e fare sosta dopo circa 45 m (3°). L’ottavo tiro porta alla forcella Eotvos (40 m 3°). Arrampicare sulla parete che scende dalla vetta fino ad una piccola cengia (35m 3°). Traversare la cengia spostandosi sul versante ovest della montagna. Effettuare l’ultimo tiro che divide la cengia dalla vetta (25 m 3°).


Discesa:

Avviene lungo la via di salita effettuando diverse calate in corda doppia (con 2 corde di almeno 50 metri si effettuano tranquillamente tutte le calate). Dalla vetta, su cui non è presente un ancoraggio di calata, scendere fino alla penultima sosta arrampicando in discesa, quindi si ripercorre a ritroso il sentierino sulla cengia basale fin poco sopra il canalino terroso delicato. Qui si prende a sinistra una traccia che conduce sopra un salto di roccia e mughi. Effettuare una calata di 15 m da un mugo (anello e cordone) e proseguire verso il lago di Federa e il rifugio Palmieri. Dal rifugio si percorre lo stesso sentiero dell’andata. Ore 4 dalla vetta.


Note:

Nonostante i passaggi non siano difficilissimi la via non è da sottovalutare perché si svolge in ambiente selvaggio e poco frequentato. La vetta della Croda da Lago è bifida, conviene raggiungere la cima più vicina alla forcella Eotvos . La qualità della roccia che separa le tue vette non è buona e i passaggi sono molto esposti. Il panorama dalla vetta è eccezionale.


© VieNormali.it

Via Normale Croda da Lago - La Croda da Lago vista dalla forcella Ambrizzola Via Normale Croda da Lago - Traverso delicato sotto la vetta Via Normale Croda da Lago - Gli ultimi metri di arrampicata sotto la cima
La Croda da Lago vista dalla forcella Ambrizzola Traverso delicato sotto la vetta Gli ultimi metri di arrampicata sotto la cima

N° voti: 2 - Voto medio: Voto 4 stelle

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
4 scalatori sono stati su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...

Mappa su Google:




Libri suggeriti sulle Dolomiti:


Camminare  Scialpinismo e ciaspole Pale San Martino  Vie Normali Dolomiti - I 3000 delle Dolomiti  Marmolada e San Pellegrino  Dolomiti di Fiemme e Fassa  Vie Normali 111 Cime Dolomiti attorno a Cortina  Ferrate nelle Dolomiti Centrali  Ferrate nelle Pale di San Martino
Escursionismo consapevole in Dolomiti  Escursioni a Cortina e Misurina  Ferrate nelle Dolomiti Bellunesi  Escursioni ad Anello nelle Dolomiti Occidentali  Escursioni a Madonna di Campiglio  Via delle Bocchette e Ferrate del Brenta  Vie ferrate dell'Alto Garda  Dolomiti Oltre Piave
Vie ferrate Cortina Ampezzo  IV grado Dolomiti Occidentali Vol. 1  IV grado Dolomiti Occidentali Vol. 2  IV Grado - Dolomiti Orientali 1  IV Grado - Dolomiti Orientali 2  Dolomiti di Brenta - Val d'Ambiez  Dolomiti di Brenta Vol. 2  Dolomiti di Brenta Vol. 3
Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali  Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali  Dolomiti Photo  Dolomiti UNESCO a tavola  DoloMITICHE Opere d'arte a cielo aperto  Freeride e Scialpinismo in Sella e Sassolungo  Sci Ripido e Scialpinismo - I 3000 delle Dolomiti  Scialpinismo e ciaspole nelle Dolomiti di Brenta
Scialpinismo e Freeride nel Gruppo della Marmolada  Scialpinismo Freeride e Ciaspole nelle Pale di San Martino  Wild Dolomiti  Scialpinismo in Comelico - Sappada  Dolomiti - Sentieri dedicati  Dolomiti  Dolomiti di Sesto (vol. 1)  Dolomiti di Sesto (vol. 2)
Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...

Guide escursionistiche Guide escursionistiche consigliate:
           >> Mountain Bike in Val di Fassa - Francesco Cappellari
           >> Roccia d'Autore - Emozioni Dolomitiche - Stefano Michelazzi
           >> IV grado - Dolomiti Occidentali Vol. 1 - Emiliano Zorzi
           >> IV grado - Dolomiti Occidentali Vol. 2 - Emiliano Zorzi
           >> Bruno Detassis e le sue vie - Omar Oprandi
           >> IV grado - Quarto grado e più Friuli Occidentale - Emiliano Zorzi
           >> IV grado - Quarto grado e più Friuli Orientale - Emiliano Zorzi
           >> Ferrate a Cortina
           >> Moiazza - Roccia tra luce e mistero
           >> Croda Rossa d'Ampezzo
           >> Dolomiti di Sesto (vol. 1)
           >> Dolomiti di Sesto (vol. 2)
           >> Dolomiti Monte Cristallo
           >> Preti - Duranno
           >> Sorapís e Marmarole Occidentali
           >> VieNormali delle Dolomiti - Marmolada - R. Ciri
           >> Vie e vicende in Dolomiti - Ivo Rabanser, Orietta Bonaldo
           >> Dolomiti - Giorni Verticali - Stefano Ardito
           >> Pale di San Martino - Samuele Scalet, con Sebastiano Zagonel, Tullio Simoni, Mariano Lott, Duilio Boninsegna
           >> Scialpinismo in Tirolo - Roberto Iacopelli
           >> Marmolada - Parete Sud - Maurizio Giordani
           >> Tre Cime - Erik Svab, Giovanni Renzi
           >> Sulle tracce di pionieri e camosci - Vittorino Mason
           >> Camminare - Samuele Scalet
           >> 111 Cime attorno a Cortina
           >> 3000 delle Dolomiti
           >> Dalle ciaspole al telemark

Revisione: relazione rivista e corretta il 08/03/2016 dalla redazione di VieNormali.it

  


Condividi su:  Share    




OFFERTE ATTREZZATURA E ACCESSORI OUTDOOR

Libri di montagna

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Primo Piano

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Carta Valsesia

Carta Valsesia

Carta Val Formazza

Carta Val Formazza

Scialpinismo in Dolomiti

Scialpinismo in Dolomiti

Scialpinismo nelle Alpi Giulie Occidentali

Scialpinismo nelle Alpi Giulie

Appennino di neve e di ghiaccio

Appennino di neve e di ghiaccio

Scialpinismo a Cortina d'Ampezzo

Scialpinismo a Cortina d'Ampezzo

Ghiaccio Salato

Ghiaccio Salato


Giardini di Cristallo


Scialpinismo in Tirolo


Ciaspolate

Neve libera

Neve libera

Ghiaccio d'Appennino

Ghiaccio d'Appennino

Ghiaccio svizzero

Ghiaccio svizzero

Family Experience in Friuli Venezia Giulia

Alpe Adria Trail

Family Experience in Friuli Venezia Giulia

Family Experience in Friuli Venezia Giulia

Walking Experience in Friuli Venezia Giulia

Walking Experience in Friuli Venezia Giulia


VieNormali consiglia

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer