Informativa Cookie: questo sito utilizza cookie tecnici propri necessari al suo funzionamento e cookie di profilazione di terze parti per visualizzare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dagli utenti nella navigazione in rete. Si invita a leggere la Cookie Policy in cui sono presenti le informazioni sui cookie utilizzati dal sito, su quali informazioni vengono raccolte e le istruzioni su come negare il consenso all'installazione di qualunque cookie. La prosecuzione della navigazione mediante accettazione dei cookie, chiusura di questo banner informativo, accesso ad altra area del sito, selezione di un elemento dello stesso sottostante questo banner (ad esempio di una immagine o di un link) o scorrimento della pagina verso il basso comporta l'automatica prestazione del consenso a utilizzare i cookie.

In conformità al provvedimento del Garante della Privacy del 8 maggio 2014, G.U. n. 126 del 3/6/2014, attuazione della Dir. UE sui cookie 2009/136/CE
OKNon accetto i cookie

VieNormali.it
Home | Mappa del sito | Gruppo VN | Shopping | Area Partner   VieNormali su Facebook   Google+ VieNormali   Canale You Tube VieNormali   RSS Feed VieNormali  

Accedi al sito   Registrati al sito   

   
Gruppi Montuosi
Legenda gruppi...

Cerca la cima:
 

Filtri di ricerca >>

Alpi Occidentali:
 
Alpi Centrali:
 
Alpi Orientali:
 
Prealpi:
 
Appennino:
 
Alpi Estere:
 
Quota:
 



Picco dei Caprai - 1947 m


Relazione della salita - Cima n° 1092


Via Normale Picco dei Caprai
Il Picco dei Caprai 1947 m visto a Nord del Cimale dell´Asino
Regione: Abruzzo (TeramoItaliane

Alpi e Gruppo: Appennini - Appennino Centrale - Gruppo Gran Sasso

Provincia: Teramo

Punto di partenza: Pietracamela, località Sopratore (q. 1075 m)

Versante di salita: N

Dislivello di salita: 875 m - Totale: 1750 m

Tempo di salita: 3,20 h - Totale: 5,40 h

Periodo consigliato: tutto l´anno

Punti di appoggio: nessuno
Tipo di via: Via normale
Tipo di percorso: Traccia non segnata
Difficoltà:   EE - F (scala difficoltà)
Attrezzatura:
Valutazione:
Libro di vetta: no
Cartografia: CAI, Sezione dell´Aquila, Parco Nazionale Gran Sasso-Laga, Carte dei Sentieri, scala 1:25000
Autore: Giuseppe Albrizio Profilo di Giuseppe Albrizio - Altre salite dell'autore
Data della salita: 02/08/2009
Data pubblicazione: 05/08/2009
N° di visualizzazioni: 2282

Introduzione:

Il Picco dei Caprai fa parte di un gruppo montuoso che si trova a Ovest della Val Maone (che più in basso prende il nome di Valle del Rio Arno). Per chi non conosce la zona salire su questa montagna permette di avere il tempo di studiarsi tutto il versante per poi poter affrontare con tranquillità e sicurezza la salita delle montagne più alte del gruppo (Picco Pio XI, Vetta Settentrionale d´Intermesoli e Pizzo d´Intermesoli). Il sentiero, anche se riportato sulle cartine escursionistiche, in realtà, sul campo, è poco evidente, si perde in parecchi punti e si è costretti a percorrere dei tratti ripidi su un terreno molto scomodo.


Accesso:

La base di partenza dell´escursione, Pietracamela, si raggiunge per chi proviene da Roma percorrendo la Strada dei Parchi (autostrada A24 Roma-L´Aquila), usciti al casello L´Aquila Ovest si prende la Strada Statale 80 del Gran Sasso direzione Teramo, passato il Passo delle Capannelle (quota 1300 m) si scende dall´altra parte fino al bivio per Prati di Tivo-Pietracamela, percorsi 10 Km in salita si giunge al paese. Chi non se la sente di percorrere, per tutta la sua lunghezza, la strada di montagna S.S. 80 anziché uscire a L´Aquila Ovest può continuare a percorrerre l´autostrada, oltrepassare il lungo traforo del Gran Sasso (10 Km), e uscire al casello Colledara-San Gabriele-Prati di Tivo, proseguire per Montorio al Vomano e seguire la S.S. 80 a ritroso fino al bivio per Prati di Tivo-Pietracamela, (i tempi di percorrenza non cambiano). Dal centro di Pietracamela si continua in auto verso Prati di Tivo, usciti dall´abitato si incontra subito un incrocio con una strada che proviene da monte (destra), si imbocca questa via che procede in netta salita, dopo poche centinaia di metri si restringe e diviene cementata, scende ripida per qualche decina di metri e risale sempre ripidamente fino a uno spiazzo dove più avanti non si può andare, qui si parcheggia (località Sopratore quota 1075 m, punto abitato più alto del paese, c´è un grosso torrione di roccia usato come palestra d´arrampicata)


Descrizione della salita:

Parcheggiata l´auto, a piedi si continua per pochi metri in piano, direzione Sud, lungo lo stradino che scende nella Valle del Rio Arno. A un incrocio, poco prima che la via principale diviene sterrata e inizia a perdere quota, si imbocca a sinistra uno stradino cementato che sale in direzione Est, fatti pochi metri lo si abbandona per prendere a destra un´evidente mulattiera che si inerpica a svolte sul pendio soprastante e poi continua dritta e in piano in direzione Sud, passa accanto a un immagine sacra dove c´è un´ottima sorgente e più avanti si ricollega alla sterrata lasciata subito dopo l´inizio dell´escursione. Si continua su questa via fino a quota 1125 m dove sulla destra si stacca un sentiero che dobbiamo prendere, vicino c´è un´altra immagine sacra, si scende verso il torrente e lo si attraversa su un ponticello a quota 1160 m. Si sale ora a svolte in direzione Ovest verso la località Giunchiera per poi piegare verso Sud-Ovest fino a giungere su una radura dove, di fronte (Sud), abbiamo il boscoso Cimale dell´Asino (che in realtà è la fine del costone Nord del gruppo montuoso Intermesoli-Picco Pio XI-Vetta Settentrionale d´Intermesoli-Picco dei Caprai). Qui, a quota 1361 m si abbandona il sentiero segnato che piega verso destra (Ovest) e si continua su una traccia non molto evidente che continua in direzione Sud aggirando il Cimale dell´Asino dal versante Occidentale (destra). Se non si trova subito il sentiero salire verso Sud-Est nel bosco (non perdere quota verso destra), ritrovata la traccia che qui è molto marcata si procede sempre in direzione Sud e sempre in leggera salita fino a sbucare in una grossa radura (quota 1460 m) Prato Tondo. Qui il sentiero si perde di nuovo, bisogna costeggiare gli alberi di destra salendo in direzione Ovest fino a quota 1500 m dove, nel bosco, si ritrova la traccia che piega leggermente verso destra (Ovest, Sud-Ovest), rimane più o meno a quota costante, attraversa alcune vallette poco marcate, passa alla base di uno sperone roccioso e pietroso e in fine scende in una valletta a quota 1482 m (piccolo omino di pietra), se si prosegue, per errore, ancora avanti nel bosco a mezza costa si incontra un vallone stretto e marcato, riportato molto bene sulla cartina escursionistica. Da quota 1482 m si risale la valletta in direzione Sud (il sentiero in questo tratto non è molto evidente) fino a uscire dal bosco in una radura scoscesa dominata dall´enorme sperone di rocce e ghiaie che scende dalla Vetta Settentrionale d´Intermesoli, quota 1540 m. Si piega a sinistra in direzione Sud-Est e si giunge presso una sorgente che sgorga dallo sperone, quota 1562 m, (ottima acqua per dissetarsi e riempire le borracce). Il sentiero dalla fonte in poi ritorna ad essere evidente, sempre nella stessa direzione, rientra nel bosco a quota 1600 m per uscirne definitivamente a 1700 m, in fine si sale ripidamente a svolte il pendio Nord del Picco dei Caprai 1947 m che si raggiunge dopo aver superato una morena e un´ampia valle piena di enormi massi e pietrai trasportati quì da un antico ghiacciaio. La gita finisce qui, se si ha ancora del tempo, si può raggiungere e superare un altro gradone morenico costituito da un pendio erboso fino a salire a quota 2040 m da dove ci si affaccia sulla Conca del Sambuco col suo nevaio protetto dalla grande parete Nord-Est del Pizzo d´Intermesoli.


Discesa:

Come per la salita.


Note:

Lungo buona parte del percorso bello e inconsueto è il panorama sulle montagne e sui luoghi circostanti da me sempre frequentati ma mai visti da questa angolazione: Corno Grande, Corno Piccolo, Intermesoli, Vetta Settentrionale d´Intermesoli, Prati di tivo, Val Maone, Corvo, Mozzone.


© VieNormali.it

Via Normale Picco dei Caprai - I Due Corni del Gran Sasso visto dalla morena della Conca del Sambuco Via Normale Picco dei Caprai - La spettacolare Conca del Sambuco con il suo nevaio
I Due Corni del Gran Sasso visto dalla morena della Conca del Sambuco La spettacolare Conca del Sambuco con il suo nevaio

N° voti: 0

Dai il tuo voto a questa relazione:

1 stella  2 stelle  3 stelle
                                    
4 stelle  5 stelle
                                
Bandierina
1 scalatore è stato su questa cima

E tu l'hai salita?
  

Segnala la cima Segnala questa cima ad un amico...

Mappa su Google:




Libri suggeriti sulle Appennini:


Sud Verticale  Appennino di neve e di ghiaccio Vol. 1  Appennino Bianco - Vol. 1  Appennino Bianco - Vol. 2  Creste d'Appennino  Dog Trekking in Appennino  I 2000 dell'Appennino  Il Terminillo e i Monti Reatini
Ghiaccio d'Appennino  Gran Sasso I Rifugi dell'Appennino Centrale  Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise  Sentieri nel Parco Nazionale Gran Sasso Laga  Parco d'Abruzzo  Carta escursionistica Parco d'Abruzzo  Bambini in Appennino
Ultime 10 scalate Ultime 20 scalate...
Elenco scalate Elenco delle scalate...

Guide escursionistiche Guide escursionistiche consigliate:
           >> I 2000 dell'Appennino - II° Edizione - Alberto Osti Guerrazzi
           >> Mountain Bike nel Parco d'Abruzzo - Edizioni Il Lupo
           >> MTB in Abruzzo - Edizioni Il Lupo
           >> Monte Catillo - Monti Lucretili - Monte Navegna - Cervia - Edizioni Il Lupo
           >> Monti della Tolfa - Edizioni Il Lupo
           >> Monti Lepini - Edizioni Il Lupo
           >> Monti Sabini - Giulio Petrucci - Luca Scarnati
           >> Monti Simbruini - Edizioni Il Lupo
           >> Carta Monti Simbruini - Edizioni Il Lupo
           >> Carta Monte Genzana e Monte Rotella - Edizioni Il Lupo
           >> Carta Monte Catillo - Monti Lucretili - Monte Navegna - Cervia - Edizioni Il Lupo
           >> Carta Monti Sabini - Edizioni Il Lupo
           >> Carta Monti Reatini e Terminillo - Edizioni Il Lupo
           >> Carta Majella - Edizioni Il Lupo
           >> Carta Velino - Sirente - Edizioni Il Lupo
           >> Carta Monti Marsicani, Monti della Meta, Valle del Giovenco, Mainarde - Edizioni Il Lupo
           >> Carta Monti Marsicani
(Parco Nazionale d'Abruzzo) - Edizioni Il Lupo

           >> Carta Monti Ernici - Edizioni Il Lupo
           >> Carta Altipiani Maggiori d'Abruzzo - Edizioni Il Lupo
           >> Carta Gran Sasso - Edizioni Il Lupo
           >> Sui sentieri dei Castelli Romani - Edizioni Il Lupo
           >> Ghiaccio d'Appennino
           >> Appennino Bianco - Vol. 1
           >> Appennino Bianco - Vol. 2


  


Condividi su:  Share    




OFFERTE ATTREZZATURA E ACCESSORI OUTDOOR

Libri di montagna

Newsletter

Per ricevere la newsletter periodica del sito inserisci qui il tuo indirizzo e-mail:



Precedenti newsletter >>
Proposte di montagna

Primo Piano

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 1

Solo granito - Vol. 2

Solo granito - Vol. 2

Monte Baldo Rock

Monte Baldo Rock

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Nord Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Arrampicare - Dolomiti Sud-Occidentali

Wild Dolomiti

Wild Dolomiti

Ferrate dell'Alto Garda

Ferrate dell'Alto Garda

Prealpi Lombarde Centrali

Prealpi Lombarde Centrali

Il grande libro dei 4000

Il grande libro dei 4000

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 1

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

IV grado Dolomiti Occidentali - Vol. 2

Alta Valsesia

Alta Valsesia

Dolomiti

Dolomiti

Parco d'Abruzzo

Parco d'Abruzzo

Il Terminillo e i Monti Reatini

Il Terminillo e i Monti Reatini

I 2000 dell Appennino

I 2000 dell Appennino


VieNormali consiglia

Libri di montagna Idea Montagna Editoria e Alpinismo

Libri di montagna Versante Sud

Libri di montagna Iter Edizioni

Libri di montagna ViviDolomiti

Carte escursionistiche e libri Geo4Map

Dolomiti.it - Portale sulle Dolomiti



Save the Children Italia Onlus Climb for life T-shirt Climbers against cancer